Categorie

Battlefield Publisher EA Eyes Opportunity se Call of Duty lascia PS5, PS4

Battlefield Publisher EA Eyes Opportunity se Call of Duty lascia PS5, PS4

Anche se l’acquisizione senza precedenti di Activision Blizzard da parte di Microsoft da 69 miliardi di dollari andrà a buon fine, è improbabile che Call of Duty lasci presto le piattaforme PlayStation. Sappiamo che Sony ha un contratto in corso con l’editore che sarà onorato e Xbox si è almeno impegnata per altri tre anni di supporto multiformato nel tentativo di placare le autorità di regolamentazione.

Il pezzo grosso di EA Andrew Wilson non sta perdendo troppo il sonno sul futuro della serie su PS5 e PS4, tuttavia, vede un’enorme opportunità per il franchise di sparatutto in prima persona della sua azienda, Battlefield. Sebbene la puntata precedente Battlefield 2042 abbia una pessima reputazione e non sia riuscita a trattenere i giocatori, il dirigente australiano era ansioso di ribadire che il futuro della serie rimarrà su PlayStation.

“In un mondo in cui potrebbero esserci domande sul futuro di Call of Duty e su quali piattaforme potrebbero essere presenti o meno, essere indipendenti dalla piattaforma e completamente multipiattaforma con Battlefield, penso sia un’enorme opportunità”, ha affermato durante un recente evento Goldman Sachs, come riportato da Seeking Alpha.

Ovviamente se Call of Duty smette di essere rilasciato sulle piattaforme PlayStation, lascerà un pubblico gigantesco alla ricerca di qualcos’altro con cui giocare. Mentre è vero che alcuni giocatori lasceranno semplicemente l’ecosistema e il gioco di Sony altrove, altri cercheranno un’alternativa, ed è qui che Wilson crede che la sua azienda potrebbe essere in grado di capitalizzare.

Naturalmente, prima ancora che possa iniziare a pensare di invadere il territorio di Call of Duty, Battlefield deve rimettersi in carreggiata. Parlando candidamente, Wilson ha ammesso che le due precedenti voci nella proprietà non hanno soddisfatto le aspettative. “Non credo che abbiamo consegnato nelle ultime due iterazioni di [Battlefield] nel modo in cui avremmo dovuto”, ha detto di Battlefield 2042 e Battlefield V. Ha aggiunto che la sua azienda ha “molto lavoro” da fare per riportare la serie in carreggiata, ma che ora ci sono i team giusti per realizzare le “ambizioni incredibili” della serie andando avanti.

Ad essere onesti, ci vorrà davvero un buon gioco di Battlefield per spodestare Call of Duty, ma è vero che se quest’ultimo lascerà PlayStation ci saranno opportunità per altri publisher. Non c’è dubbio che abbandonare un pubblico vasto come quello di Sony svelerà spazio da occupare per gli altri, ma allo stato attuale, Battlefield ha molta strada da fare prima di emergere come il candidato più probabile.