Categorie

Bungie offre posizioni “digital-first” e molti sono “completamente remoti”

Bungie offre posizioni "digital-first" e molti sono "completamente remoti"

Bungie è l’ennesima azienda a diventare per lo più remota.

Bungie - Destino 2

Poiché la pandemia è entrata nel suo terzo anno, molte aziende sono di fronte al bivio se diventare permanentemente remote o chiedere ai lavoratori di tornare in ufficio; Bungie ha annunciato la sua prossima mossa in merito. L’azienda dietro Destino 2 e l’originale Alone games ha rivelato che ora è uno studio “digital-first” e ha pubblicato numerosi annunci di lavoro che offrono un lavoro “completamente a distanza”.

Gli ultimi anni hanno creato un’industria dei giochi in cui i ritardi di gioco, la carenza di console e i giochi a metà sono diventati un’aspettativa piuttosto che un’eccezione. Questo ovviamente è stato il risultato della pandemia che ha creato condizioni di lavoro difficili per gli sviluppatori che sono stati costretti a rimescolarsi e far fronte al lavoro da casa quando l’infrastruttura per farlo era praticamente inesistente. Ora che la maggior parte delle aziende ha avuto il tempo di adeguarsi al lavoro da casa, molte aziende come Bungie hanno deciso di abbracciare il cambiamento e si sono spostate per essere completamente remote.

Bungie offre ora un lavoro completamente remoto in alcuni stati selezionati che includono Washinton, California, Oregon, Illinois, Florida, Carolina del Nord e Texas. Lo studio di gioco presumibilmente aggiungerà più stati man mano che la transizione si stabilizza. Una rapida occhiata alla pagina della carriera di Bungie mostra che l’azienda offre attualmente posizioni completamente remote in arte, audio, operazioni commerciali, prodotti di consumo, ingegneria, design di giochi, tecnologia dell’informazione, produzione, editoria e marketing, test/QA e UI/UX. L’attuale elenco di posizioni aperte è enorme, con quasi tutte le categorie che offrono un lungo elenco di lavori disponibili.

Il CEO di Bungie, Pete Parsons, ha dichiarato: “Negli ultimi due anni abbiamo ridefinito il modo in cui lavoriamo in Bungie. Il passaggio al lavoro da casa non è stato facile, ma i risultati parlano da soli. Oggi è chiaro che un ambiente di lavoro incentrato sul digitale non è il futuro del lavoro: è già qui e noi. Sono. Tutti. In.” Sarà interessante vedere cosa gli sviluppatori ora seguiranno l’esempio.

Fonte