Categorie

Devolver smentisce le voci ridicole secondo cui Sony ha pagato per tenere il Cult of the Lamb fuori dall’Xbox Game Pass

Devolver smentisce le voci ridicole secondo cui Sony ha pagato per tenere il Cult of the Lamb fuori dall'Xbox Game Pass

Dio, come fanno queste voci a guadagnare terreno? Sembrerebbe che le persone non siano in grado di usare il cervello. A seguito dell’insinuazione di Microsoft secondo cui Sony sta pagando per tenere i giochi fuori da Xbox Game Pass – un’idea già fuorviante, poiché l’azienda di Redmond si riferisce in realtà a accordi di marketing standard da palude – una voce di podcast affermava che PlayStation aveva pagato per impedire Cult of the Agnello dall’essere incluso nel servizio.

Considerando che il gioco non ha un accordo di marketing con Sony e non è incluso Tutti i giochi PS Plusl’idea che la società pagherebbe per impedire che una pubblicazione venga inclusa in un abbonamento rivale è già ridicola, ma sembrerebbe che la fonte, Gary Whitta, che stava parlando in un podcast Kinda Funny, abbia ottenuto le informazioni da un Account Twitter con 28 follower! Naturalmente, ciò non ha impedito alla voce sottilissima di diffondersi su Internet e persino di essere ripresa da molti siti Web di notizie affidabili.

Riconoscendo il furore, Devolver Digital è stata costretta a rilasciare una dichiarazione, dicendo a The Gamer che la storia “è assolutamente falsa”. Negli ultimi tempi ci sono state una serie di queste voci in malafede, nessuna delle quali ha alcun senso e insistono nel dipingere PlayStation nella peggiore luce possibile. Non stiamo dicendo che le pratiche commerciali dell’organizzazione siano perfette, tutt’altro, ma non siamo del tutto sicuri del motivo per cui l’azienda viene annunciata come una specie di supercriminale quando finora il suo rivale è l’unico ad acquistare un intero editore e rendere esclusiva la sua intera produzione. Strano.

Cult of the Lamb, nel frattempo, non ha avuto problemi a frustare copie al di fuori di un servizio in abbonamento: ha già totalizzato oltre un milione di vendite, dopo la calorosa accoglienza della critica.