Categorie

È morto all’età di 78 anni Hidekazu Yukawa, il ‘signor Sega’

È morto all'età di 78 anni Hidekazu Yukawa, il 'signor Sega'
Hidekazu Yukawa

È stato rivelato che l’ex amministratore delegato di Sega Japan, Hidekazu Yukawa, è morto nel giugno 2021, ma la notizia è stata tenuta segreta fino ad oggi. Secondo quanto riferito, l’uomo soprannominato “Mr Sega” è morto di polmonite l’anno scorso, con la famiglia e gli amici che non erano disposti a divulgare le informazioni fino a quando non fosse stato il momento giusto.

Durante il periodo di Hidekazu Yukawa con Sega, l’uomo è diventato una sorta di celebrità nel suo paese d’origine. È apparso in diversi spot televisivi che miravano a promuovere l’uscita dell’attesissimo Dreamcast (ricordatelo?), Con gli spot che sono diventati un enorme successo in Giappone. E non solo, ma anche il volto dell’uomo è apparso sulla scatola della console – ora, se questa non è fama, allora cos’altro lo è?

Queste pubblicità potrebbero non essere note a molte persone in Occidente, quindi cerchiamo di spiegare la loro stravaganza. L’intera campagna mirava a prendere in giro le lotte che Sega ha avuto durante la competizione con Sony; il primo video ha visto Hidekazu Yukawa schiacciato quando sente un gruppo di bambini parlare di quanto sia “zoppa” Sega, Yukawa poi si allontana, ma non molto tempo dopo che sta picchiando in un vicolo – quando piove diluvia.

Gli spot sono diventati un po’ più spensierati e hanno coinvolto Yukawa che andava porta a porta cercando di vendere Dreamcasts. Immagina che il direttore dell’azienda bussi a tutte le porte tentando di vendere console. Puoi guardare tutti i video in cui è apparso Yukawa di seguito.

Ma non era solo la pubblicità in cui è apparso “Mr Sega”, no, perché Yukawa ha anche prestato la sua faccia a un disco demo chiamato Cos’è Shenmue? Questo è stato regalato ai fan gratuitamente al momento dell’acquisto Shen Muèed è anche apparso in un DLC per Avventura sonica anche. La notizia della morte di Yukawa è triste e i fan di tutto il mondo si sono rivolti ai social media per rendere omaggio alla figura di culto, colui che era responsabile di una console e di una collezione di giochi molto amata

Fonte