Categorie

Epic rilascia l’editor UE5 per i creatori di Fortnite quest’anno

Fortnite
Fortnite

Fortnite i creatori saranno presto in grado di sviluppare e monetizzare le proprie creazioni per il gioco con un supporto ancora maggiore, poiché Epic Games darà loro il proprio editor in Unreal Engine 5. Secondo IGN, Epic Games ha chiaramente riconosciuto la forza e l’abilità di di Fortnite comunità creativa e stanno pianificando di premiare i creatori con i propri Fortnite-set specifico di strumenti di creazione.

Come riportato nell’articolo, il CEO di Epic Games Time Sweeney ha rivelato a Fast Company che a causa della sorprendentemente grande quantità di tempo Fortnite i giocatori trascorrono effettivamente giocando attraverso le creazioni degli altri, il team di Epic Games vuole dare ai creatori più potere e metodi migliori per sviluppare Fortnite contenuto. Oltre a fornire l’editor specializzato in Unreal Engine 5, Epic prevede di consentire ai creatori di monetizzare i contenuti che creano per Fortnite, al fine di costruire un’economia di gioco a tutti gli effetti.

Entro la fine dell’anno rilasceremo Unreal Editor per Fortnite–le funzionalità complete che hai visto [in Unreal Engine] aperto in modo che chiunque possa creare contenuti di gioco e codice di altissima qualità. . . e distribuirlo in Fortnite senza dover fare accordi con noi, è aperto a tutti.

Tim Sweeney, CEO, Epic Games

Questa sarà un’ottima notizia per il pool esistente di Fortnite creatori, ma renderà anche la creazione di Fortnite più accessibile anche a tutti gli altri. Che cosa con il piano di Sweeney di girare Fortnite diventando una valida fonte di reddito per i suoi creatori, potremmo iniziare a vedere un numero crescente di persone che scaricano Unreal Engine 5 per creare e monetizzare i propri contenuti personalizzati.

Insieme a questo, stiamo costruendo un’economia e supporterà i creatori che costruiscono effettivamente attività attorno al loro lavoro e ottengono profitti crescenti dal commercio che deriva dalle persone che riproducono i loro contenuti.

Tim Sweeney, CEO, Epic Games

Fonte