Categorie

Gabe Newell ha trovato gli zombi “Cheesy” durante la fase di scrittura di Left 4 Dead

Gabe Newell ha trovato gli zombi "Cheesy" durante la fase di scrittura di Left 4 Dead

Left 4 Dead quasi non è diventato il gioco come lo conosciamo oggi.

Riesci a immaginare Left 4 Dead senza zombi? No! Quindi Left 4 Dead non sarebbe Left 4 Dead, voglio dire che la parte morta del titolo non avrebbe nemmeno la metà del senso senza zombi assetati di sangue che piangono Bloody Mary e ti corrono dietro. Secondo recenti rapporti, il presidente di Valve Gabe Newell inizialmente non era entusiasta dell’idea che gli zombi fossero il nemico principale del gioco. Ha trovato i demoni un po’ troppo sdolcinati.

Le informazioni provengono da un’intervista con lo Youtuber Kiwi Talkz che aveva intervistato l’ex scrittore di Valve Chet Faliszek sul suo tempo in Valve e sui giochi su cui ha lavorato. Faliszek racconta di come una volta a cena Gabe avesse fatto l’avvocato del diavolo, sfidando la sua idea.

“Una volta sono andato a cena con Gabe”, ha spiegato Faliszek. “E mi stava picchiando, che um… ‘se guardi i film di zombi’ [Newell said] ‘Night of the Living Dead parla di razzismo… Dawn of the Dead parla di consumismo.'”

“[George Romero] aveva fatto di proposito quei film su cose tipo, per parlarne e [Newell asked] ‘Di cosa parla il tuo film? Di cosa tratta il tuo gioco? Di cosa parla la tua storia di zombi?'”, ha detto Faliszek, “Io sono tipo, ‘Beh, sai che si tratta di lavorare insieme. Riguarda il gioco stesso, è un riflesso del gioco. Sai, nell’apocalisse degli zombi cosa farai?”

Newell non è stato colpito dall’idea di Faliszek e ha mantenuto la sua posizione secondo cui gli zombi sono scadenti.

“Saremmo stati spinti sempre di più”, ha ricordato Falizek, “perché ricordo [Newell] ha detto ‘beh, non facciamo gli zombi, gli zombi sono solo… scadenti, giusto? Sono solo davvero di formaggio.’”

Per Faliszek, gli zombi non erano banali ma piuttosto terrificanti. Guardando Dawn of the Dead aveva una prospettiva diversa di ciò che significavano per lui i morti in decomposizione. I due alla fine sono giunti a una soluzione. Avere personaggi consapevoli del concetto di zombi della cultura popolare e commentare come quella che una volta era un’opera di finzione ora sia la loro relazione.

Secondo Faliszek, un metodo di pensiero simile è stato applicato al gioco recentemente pubblicato dalla sua compagnia The Anacrusis, uno sparatutto ispirato a Left 4 Dead che è stato rilasciato in accesso anticipato quest’anno.

Left 4 Dead ha avuto un enorme successo generando un sequel e un successore spirituale chiamato Back 4 Blood. Per non parlare di tutti gli altri cloni di sparatutto di zombi cooperativi che sono spuntati nel corso degli anni, il che “apparentemente” non è abbastanza per i creatori di Left 4 Dead.

Fonte