Categorie

Gli Haven Studios di Jade Raymond attirano l’attenzione di PS5, l’architetto di PS4 Mark Cerny

Gli Haven Studios di Jade Raymond attirano l'attenzione di PS5, l'architetto di PS4 Mark Cerny

Gli Haven Studios di Jade Raymond sono ora ufficialmente parte di PlayStation. Non preoccupatevi se provate morsi di déjà vu: questa acquisizione era, ovviamente, già annunciata, ma ora l’inchiostro si è asciugato e l’affare è chiuso. E secondo una nuova intervista a GamesIndustry.biz, il “piccolo” team canadese – che è esploso a 106 dipendenti – sta già influenzando altri team first party.

Un’intervista ad ampio raggio con Raymond entra nel nocciolo della questione, ma formatasi durante la pandemia, Haven Studios sta sperimentando le possibilità del lavoro a distanza all’interno del cloud. Questo ha senso, ovviamente, se si considera che gran parte dell’azienda si è formata dalle ceneri dell’iniziativa first party fallita di Google Stadia, ma il suo approccio sta attirando l’attenzione di altri sviluppatori all’interno del framework PlayStation Studios.

In effetti, sembra che Haven Studios sia pronto per essere un vero innovatore, con il coinvolgimento anche dell’architetto per PS5 e PS4 Mark Cerny. “[Cerny] è uno dei motivi principali per cui stiamo investendo così tanto in ricerca e sviluppo e in questo team di ingegneri di alto livello”, ha rivelato Raymond. “Non è solo legato al cloud, ma anche ad attività di ricerca e sviluppo più lungimiranti. Non posso dire molto ora, ma questa è ovviamente una delle altre cose che è stata un grande attrattore ed è eccitante per il nostro team con PlayStation”.

Per quanto riguarda il gioco effettivo di Haven Studios, beh, fa parte del servizio live di Sony, anche se ci aspettiamo più Animal Crossing che Fortnite. Parte del suo obiettivo dal punto di vista tecnico è costruire strumenti che gli consentano di iterare ed evolvere rapidamente il gioco, senza i colli di bottiglia che si trovano comunemente in progetti di questa portata e con un team relativamente più piccolo.

L’intervista è una lettura interessante, anche se avrai bisogno del tuo cappello da lavoro, perché approfondisce davvero il nocciolo della questione del reclutamento e della gestione. Ad esempio, Haven Studios ha una gerarchia piatta con solo tre livelli superiori che sovrintendono all’intera azienda, anche prevalentemente da remoto.

Anche se la semplice menzione di “servizio live” senza dubbio lascerà i commenti nel caos, è affascinante che questo studio relativamente nuovo stia già attirando l’attenzione dei dipendenti PlayStation di alto rango e potrebbe potenzialmente avere un’influenza su come altri team first party evolversi ed espandersi.