Categorie

Gwent: Rogue Mage annunciato da CD Projekt Red

Gwent: Rogue Mage

Ti interessa una partita di Gwent?

Gwent: mago canaglia
Immagine tratta da Gwent: mago canaglia

Ne hai sentito parlare lo stregone, Giusto? E forse un piccolo gioco di carte in-game chiamato Gwent? Ora sembra che CD Projekt Red abbia un gioco nuovo di zecca in uscita il 7 luglio 2022, chiamato Gwent: mago canaglia; un gioco di costruzione di mazzi strutturato attorno alle regole di Gwent.

È stato annunciato solo oggi (tramite IGN) che CD Projekt aveva rivelato Gwent: mago canaglia (precedentemente noto come “Progetto Golden Nekker”). Il lancio del gioco è stato confermato domani e sarà disponibile per PC, iOS e dispositivi Android. La versione standard sarà di $ 9,99 e l’edizione premium, che include skin di gioco, cosmetici e vari pacchetti di carte, ti costerà $ 19,99.

Mago canaglia spera di utilizzare le stesse meccaniche di Gwent che i giocatori hanno trovato così avvincenti durante il gioco Il Witcher 3 – il numero di ore che ho passato a giocare a quel gioco di carte è uno scherzo. In questo gioco, tuttavia, i giocatori inizieranno solo con una dozzina di carte e dovranno quindi costruire più mazzi strutturati attorno a un tema specifico.

I giocatori inizieranno ad acquisire più carte mentre esplorano la mappa del mondo di gioco, il che è utile perché non puoi fare molto con una dozzina di carte. Essendo un gioco rogue lite, ti ritroverai sconfitto… molto. Ma con ogni perdita otterrai più XP che possono quindi essere utilizzati per migliorare il tuo mazzo e le carte al suo interno.

CD Projekt Red aveva originariamente affermato che questo gioco (quando era conosciuto come Project Golden Nekker) non sarebbe stato rilasciato per console e, a detta di tutti, anche lo sviluppatore polacco si è attenuto a quelle pistole. Il lancio di domani sarà comunque gradito, sarà qualcosa di cui i fan Lo stregone amerà e, si spera, offrirà una pausa di divertimento prima di ulteriori discorsi in merito Il Witcher 4 inevitabilmente torna a galla.

Fonte