Categorie

Il boss degli effetti visivi di Doctor Strange parla della morte chiave nel film

Doctor Strange nel multiverso della follia doveva essere un film horror davvero soprannaturale sotto molti aspetti. Con il cattivo che causa più dolore e sofferenza è Scarlet Witch, che era stata guidata da Darkhold. Una scena chiave, e ancora molto controversa, è stata quando Scarlet Witch è andata dagli Illuminati e li ha sistematicamente uccisi uno per uno finché non è rimasto solo il barone Mordo. Una di queste morti scioccanti è stata la morte di Black Bolt, che ha fatto il suo vero debutto nell’MCU (ed è stato ripetuto da Anson Mount).

Nel film, è morto dopo che Wanda gli ha cancellato la bocca dal corpo, provocando un “urlo” che ha attivato i suoi poteri e così ha fatto implodere la sua testa. Raccapricciante.

Il supervisore degli effetti visivi di ILM, Julian Foddy, ha descritto in dettaglio cosa è servito per dare vita a quella scena della morte:

“Per Black Bolt, inizia con Wanda che gli chiude la bocca, o meglio ‘rimuove’ la bocca del tutto”, ha detto il regista in una recente chat. “Quella era una patch CG che abbiamo creato usando la fotografia delle texture dell’attore. Quindi, per creare l’esplosione sonora che rimbalza indietro nella sua testa, e in modo efficace rimescola il suo cervello, prima di far saltare via la parte posteriore del cranio, il modo in cui ci siamo avvicinati era di farlo quasi per davvero”.

Hanno guardato tutti i tipi di video per cercare di ottenere la “sensazione giusta” prima di andare a gonfie vele:

“Abbiamo anche esaminato i volti umani nelle gallerie del vento e la quantità di increspature che provoca sulle guance”, ha aggiunto. “Abbiamo scoperto che era impossibile simularlo e ottenere risultati realistici a 24 fotogrammi al secondo. Quindi il team FX, invece, ha allungato la sequenza temporale in Houdini e ha lavorato a qualcosa come 120 fotogrammi al secondo”.

I risultati parlano da soli… per così dire. E anche se è uno degli elementi più controversi nel film di Doctor Strange, non si può negare che abbia avuto un impatto.

Fonte: prima e dopo