Categorie

Il boss del Protocollo Callisto è sotto tiro per aver glorificato i turni di 15 ore

Il boss del Protocollo Callisto è sotto tiro per aver glorificato i turni di 15 ore

Un mal giudicato Twitter il post del fondatore di Striking Distance Studios, Glen Schofield, è stato cancellato dopo essere stato criticato per sembrare glorificato il crunch. L’ex uomo di EA e Activision – il cui team sta attualmente lavorando per concludere l’horror di sopravvivenza The Callisto Protocol prima del suo lancio il 2 dicembre – ha affermato che “stiamo lavorando da sei a sette giorni alla settimana […] stanchezza, stanchezza, COVID ma stiamo lavorando”. Ha continuato: “Da 12 a 15 ore al giorno. Questo è il gioco. Lavoro duro. Pranzo, cena, lavoro. Lo fai perché lo ami”.

Schofield è stato aspramente criticato da numerosi esperti del settore, tra cui Jason Schreier di Bloomberg, che ha scritto libri sulle fatiche dello sviluppo di giochi. “Questo, da un capo di studio, è definito dalla cultura crunch”, ha detto. “Naturalmente nessuno è ‘costretto’ a lavorare in orari folli. Ma immagina i bonus ridotti e la mancanza di opportunità di promozione se non lo fai? “Lo fai perché lo ami.” Passione armata. Questo è il motivo per cui le persone esauriscono i giochi”.

Dopo che il messaggio Twitter originale è stato eliminato, Schofield ha cercato di chiarire i suoi commenti: “Chi mi conosce sa quanto sono appassionato delle persone con cui lavoro. In precedenza ho twittato quanto fossi orgoglioso dello sforzo e delle ore che la squadra stava dedicando. Era sbagliato. Apprezziamo la passione e la creatività, non lunghe ore. Mi dispiace per la squadra per essere capitata in questo modo”.

La cultura del lavoro in numerosi studi tentpole, inclusi i migliori team AAA come Naughty Dog e Rockstar, ha fatto notizia negli ultimi dieci anni, con alcuni che cercano di migliorare il loro approccio. Molti sviluppatori hanno sottolineato di non aver fatto gli straordinari in The Last of Us: Part I, mentre uno dei motivi citati per il ciclo di sviluppo più lungo del previsto di GTA 6 è stato un cambiamento nella cultura dello sviluppatore Rockstar.

Naturalmente, questo è un argomento complicato con molte sfumature che spesso dividono l’opinione. L’insinuazione di Schofield sul fatto che la sua squadra stia lavorando mentre non sta bene con il COVID è scarsa, anche se è possibile che volesse dire che il suo studio ha continuato a superare i rigori della pandemia. Se questo è il tipo di condizioni, tuttavia, diremmo che dovrebbe essere preso in considerazione un ritardo, anche se immaginiamo che anche Striking Distance Studios stia risentendo della pressione del remake di Dead Space, la cui uscita è attualmente prevista poco più di un mese dopo The Protocollo di Callisto, il 27 gennaio.