Categorie

Il creatore di Andor parla delle trame “Schema quinquennale”

Andor
Andor

Quelli che hanno appena finito Obi-Wan Kenobi sa che lo spettacolo aveva lo scopo di aiutare a colmare il divario tra La vendetta dei Sith e Una nuova speranza. Letteralmente alla fine del film finisce con Leia che ottiene i piani per la Morte Nera che avrebbe messo in R2-D2 per mandare via aiuto. La prossima serie Andor avrà una motivazione simile, in quanto utilizzerà le sue due stagioni per raccontare la storia di come Cassian Andor non solo è diventato un ribelle, ma è arrivato al punto in cui lo ha fatto in Rogue One.

Ma quello che potresti non aspettarti è che le due stagioni non “si svolgeranno” in termini di canone nel corso di pochi giorni o settimane (come in Obi-Wan). Piuttosto, si svolgerà nel corso di cinque anni!

“La portata dello spettacolo è così enorme”, afferma il creatore Tony Gilroy. “I registi lavorano in blocchi di tre episodi, quindi abbiamo realizzato quattro blocchi [in Season 1] di tre episodi ciascuno. Abbiamo guardato e detto: ‘Wow, sarebbe davvero interessante se tornassimo e usiamo ogni blocco per rappresentare un anno. Ci avvicineremo di un anno ad ogni blocco. Da un punto di vista narrativo, è davvero emozionante poter lavorare su qualcosa in cui si fa venerdì, sabato e domenica e poi si salta di un anno”.

Ha aggiunto che “Rogue One riguarda più un evento che il viaggio vero e proprio [the] personaggi. È piuttosto sorprendente iniziare uno spettacolo in cui non si tratta di dove possiamo finire, ma di come siamo finiti lì?

In effetti, e questo solleva molte domande su cosa accadrà all’interno di quei blocchi che garantiranno un “salto temporale” entro la fine di essi, e quanto potrebbe essere stridente per lo spettatore.

Scopriremo quando Andor anteprime questo agosto!

Fonte: Impero