Categorie

Il processo di casting per Moon Knight è stato “terrificante”

Il regista di Moon Knight elogia la capacità di Oscar Isaac di interpretare personalità multiple

Lo hanno fatto funzionare però!

Una cosa che a volte viene persa quando si tratta di fare un film o un programma TV di successo è che non hai solo bisogno di una buona trama, ideazione e aspetto, hai bisogno del giusto set di attori per interpretare i ruoli principali. Pensa al tuo programma preferito e a come sarebbe stato non avere il tuo attore preferito nella parte. Non sarebbe lo stesso, vero? Il Marvel Cinematic Universe ha onestamente una grande esperienza nel fare la “chiamata giusta” in termini di casting, ma per il Cavaliere della Luna equipaggio… avevano paura di sbagliare.

Questo viene dallo scrittore capo Jeremy Slater, che ha notato in un’intervista che il processo di casting è stato terrificante in alcuni punti:

“Eravamo costantemente terrorizzati”, ha osservato Slater. “E sai che alla fine è una decisione che sfugge alle tue mani. Questa è una decisione presa ai massimi livelli perché si tratta di un personaggio che potrebbe potenzialmente apparire di nuovo nell’universo Marvel in una moltitudine di modi diversi. Quindi, sapevamo che non avremmo necessariamente voce in capitolo in quel casting. Avevamo fede e fiducia nella Marvel che non ci avrebbero attaccato con qualcuno di terribile”.

Come ha detto, gli sceneggiatori non avevano voce in capitolo su chi fosse stato scelto… ma avevano dei pensieri…

“Ma giochi ancora a quel gioco con i tuoi scrittori in cui dici: ‘Beh, che mi dici di questo ragazzo? E che dire di questo attore e quell’attore?’ E non voglio buttare nessun attore sotto l’autobus, ma ogni tanto qualcuno lancia un nome e tutti nella stanza gemerebbero e direbbero, ‘Oh Dio, se è quel ragazzo, noi’ sei morto nell’acqua’”, ha aggiunto lo scrittore.

Per fortuna, il casting generale è stato fantastico, incluso Oscar Isaac nei panni dello stesso Moon Knight, il che ha funzionato a tutto vantaggio dello spettacolo.

Fonte: la playlist