Categorie

Il produttore di Final Fantasy XIV denuncia l’uso di strumenti di terze parti

Viaggio nel data center di Final Fantasy XIV dettagliato nel post del blog

Ma non preoccuparti, Yoshi-P risolverà l’interfaccia utente in modo da non dover più infrangere la legge.

Naoki Yoshida, il santo patrono recentemente sanzionato del Fantasia finale franchising, vuole il Final Fantasy XIV fan di agire bene. Possiamo capire perché: questo è un uomo che ha messo sangue, sudore e lacrime per riportare in vita un MMO morto dall’orlo della distruzione, trasformandolo nel gioco online più popolare del pianeta. Seguire le regole è d’obbligo secondo Yoshi-P e ciò significa disinstallare le mod di terze parti che hai. Gli shader, gli strumenti dell’interfaccia utente e le mod della mappa, tutto. Sì davvero. Non comportarti sorpreso.

“Con il rilascio della Patch 6.11 e di Dragonsong’s Reprise (Ultimate), abbiamo sentito le preoccupazioni dei giocatori sull’uso di strumenti di terze parti e sul potenziale per l’emulazione del server di gioco”, scrive Yoshida sull’ufficiale FFXIV blog. “Ho toccato questi argomenti in precedenza in LIVE Letters, ma vorrei cogliere l’occasione per affrontarli formalmente.

Come indicato nei termini del servizio per Final Fantasy XIV: l’uso di strumenti di terze parti è severamente vietato. I giocatori che sono determinati a utilizzare strumenti di terze parti avranno i loro account sospesi o permanentemente banditi per recidive”.

Yoshida ammette che sarebbe fisicamente impossibile eseguire controlli su ogni mod di terze parti su Internet e che è anche impossibile dire quali programmi sono installati sul PC di ciascun giocatore. Sebbene il produttore disapprovi tutte queste aggiunte proibite, elenca quattro tipi specifici di mod che saranno “priorità di indagine”. Questi includono:

  • Utilizzo di strumenti che consentono ai giocatori di completare più facilmente i contenuti
  • Modifica dell’interfaccia utente per visualizzare informazioni aggiuntive
  • Utilizzo di strumenti di spoofing dei pacchetti
  • Qualsiasi azione o dichiarazione pubblica che promuove l’uso di strumenti di terze parti

Dopotutto potresti non essere catturato per gli shader, ma è meglio prevenire che curare.

Ovviamente, Yoshida non lascerebbe i giocatori con una nota dolente. Le modifiche all’interfaccia utente potrebbero essere presto disponibili a causa di questo problema in corso.

“Riteniamo che le persone utilizzino gli strumenti di cui sopra per espandere l’HUD e visualizzare più informazioni perché ritengono che le funzioni esistenti siano insufficienti per affrontare compiti di fascia alta”, scrive il produttore. “In considerazione di ciò, intendiamo rivedere gli strumenti più importanti e, al fine di scoraggiarne l’uso, cercare di migliorare la funzionalità dell’HUD. Anche se ci vorrà del tempo, siamo determinati a realizzarlo, non da ultimo a beneficio di coloro che giocano su console”.

Dal rilascio della Patch 6.1, Yoshida ha parlato di problemi di lunga data nella community. Alla fine di aprile, il produttore ha inviato un appello ai giocatori PvP affinché badino alle loro maniere o affrontarne le conseguenze.

Final Fantasy XIV è disponibile per giocare su PC, PlayStation 4 e PlayStation 5.

Fonte