Categorie

Insane Valorant clone è un cessate e desistere pronto ad accadere

Project M Valorant clone rip-off
Project M è uno sparatutto in prima persona mobile sviluppato da NetEase e condivide molte somiglianze con il popolare sparatutto di classe di Riot.

Il gigante cinese dei videogiochi, NetEase, ha appena rivelato un trailer per il loro sparatutto in prima persona mobile chiamato Project M, che sembra e suona sorprendentemente simile a Valorant al punto che molti fan si chiedono se questa sia solo una fregatura. .

Il caratteristico stile di arte visiva di Valorant separa il gioco da molti altri sparatutto popolari e allo stesso tempo rende il gioco visivamente accattivante e relativamente poco impegnativo in termini di requisiti di sistema, il che consente di giocare anche su PC più vecchi.

Questo tipo di stile artistico è anche abbastanza popolare per i giochi mobili, poiché è pulito, facilmente leggibile e supportato da una vasta gamma di dispositivi. E non è una coincidenza, dato che Riot ha confermato alcuni mesi fa che Valorant arriverà sui dispositivi mobili.

Progetto M Valorizzare il clone rip-off
No, questo non è Valorant, questo è Project M. (Immagine: NetEase)

Il presunto gioco mobile di Valorant, attualmente chiamato Project M, è entrato in beta chiusa oggi, accompagnato da un breve trailer di gioco, che ha rapidamente attirato l’attenzione dei giocatori di Valorant.

Il motivo non è solo che i giochi sembrano simili, ma perché sembra che Project M abbia “preso in prestito” un po’ troppi elementi da Valorant al punto che è più facile parlare di cosa non è preso dal gioco invece di cosa esso ha.

Cos’è Project M, il presunto clone di Valorant?

Project M è un gioco sparatutto tattico di eroi free-to-play sviluppato da NetEase, una delle più grandi società di videogiochi in Cina, che è, tra le altre cose, responsabile della gestione dei giochi Blizzard nel paese.

Se dai un’occhiata al trailer qui sopra, vedrai che il gioco condivide molte somiglianze con Valorant. Non è qualcosa in cui potremmo dire che è stato “ispirato” da Valorant, piuttosto alcune funzionalità e risorse di Project M sembrano essere state prese direttamente dal gioco stesso.

Progetto M Valorizzare il clone rip-off
Molte delle risorse del Progetto M sembrano essere state prese direttamente da Valorant. (Immagine: NetEase)

Dallo stile visivo del gioco al design dell’interfaccia utente, i caratteri, i suoni e persino la musica futuristica allegra, tutto sembra chiaramente progettato per imitare Valorant.

E mentre i layout delle mappe che abbiamo visto in alcuni dei video di gioco sembrano diversi rispetto alle mappe di Valorant, usano ancora elementi quasi identici in termini di identità visive delle mappe.

Il design dei personaggi è diverso, ma molti di essi si basano sulle abilità dei personaggi Valorant esistenti, un personaggio sfoggia un arco che individua i nemici alla Sova, mentre un altro può far cadere fumi dal cielo come Brimstone.

Un certo numero di altri elementi del gioco, come le animazioni di morte e ricarica e vari effetti audio, sono praticamente indistinguibili da quelli che conosciamo da Valorant.

Anche la convenzione di denominazione è simile a quella che piace usare a Riot Games, poiché Valorant è stato chiamato Progetto A prima che fosse rivelato ufficialmente.

  • Per saperne di più: la star di Twitch, Shroud, annuncia il nuovo team di Valorant prima delle qualificazioni VCT Open

Tencent, una delle più grandi aziende tecnologiche cinesi, possiede Riot Games e NetEase è uno dei loro maggiori concorrenti nel mercato cinese dell’intrattenimento digitale, quindi sarà interessante vedere come reagirà Tencent a questa situazione e se stanno pianificando di prendere misure legali per proteggere il loro IP, per ora, è solo un’altra curiosità dal mondo del gioco mobile.