Categorie

Intervista: Moonscars è un Souls-Like dei fan, per i fan

Intervista: Moonscars è un Souls-Like dei fan, per i fan

Il genere simile a Souls non è mai stato così grande dopo l’uscita di Elden Ring, eppure sembra che solo un paio di giochi selezionati siano preparati e pronti a sfruttare il crescente interesse ora che l’entusiasmo per il grande FromSoftware è diminuito. Thymesia e Steelrising sono due esempi e il titolo 2D Moonscars sembra pronto per essere il prossimo.

Per saperne di più sul progetto di debutto, abbiamo incontrato i leader di Black Mermaid Andriy Moroz (designer del gioco), Ștefan Semionov (direttore artistico) e Alexandru Romanciuc (programmatore principale) prima del lancio su PS5 e PS4 il 27 settembre 2022.

PS5 Giochi Guida: Per chi non lo sapesse, potresti presentare Moonscars? Che tipo di gioco è e cosa ti ha ispirato a realizzarlo?

Moonscars è un gioco Metroidvania 2D non lineare simile a anime. Si concentra sul combattimento con un gameplay frenetico e reattivo e animazioni fluide, ambientato in un mondo cupo, oscuro e pittorico.

Come gioco d’esordio della squadra, quali sono state alcune delle sfide che hai dovuto affrontare? Hai riscontrato problemi imprevisti durante lo sviluppo?

Essendo una squadra appena formata e una prima partita, abbiamo sicuramente incontrato molte sfide. Penso che uno dei più grandi sia stato che non abbiamo tenuto adeguatamente conto del tempo e delle iterazioni che ci sarebbero voluti prima di sentire di avere solide basi su cui continuare a costruire.

Dal punto di vista artistico, le animazioni ad alto frame hanno richiesto molto lavoro ed erano una parte difficile da realizzare.

Moonscars è un Souls-Like dei fan, per l'intervista ai fan 2Moonscars è un Souls-Like dei fan, per l'intervista ai fan 3

Guardando indietro, è stata una corsa sfrenata non solo perché era la nostra prima partita in assoluto e dovevamo imparare molte cose in movimento, ma anche perché accettare un progetto del genere era molto ambizioso per il nostro piccolo team, considerando che, in meglio parte del progetto, eravamo tre persone a tempo pieno a svilupparlo.

L’aspetto più sorprendente del gioco è probabilmente il suo stile artistico. Come ti sei accontentato di questo aspetto particolare e ha subito molte revisioni?

Grazie! In realtà non abbiamo avuto molte iterazioni sullo stile. Visivamente, ci siamo ispirati ai vecchi maestri olandesi della pittura a olio come Rembrandt che ci hanno portato a creare un mondo usando una tavolozza tenue di grigi scuri, con accenti di colore. All’inizio dello sviluppo, siamo approdati su alcuni modelli molto stilizzati, che si sono evoluti per includere proporzioni più realistiche con una tavolozza più scura, il che ci ha anche aiutato a essere più efficienti con il processo di pittura dello sfondo poiché eravamo una piccola squadra. Per lo più è rimasto lo stesso per il resto dello sviluppo.

L’aspetto “pittoresco”, come viene spesso descritto, deriva dalla passione per la pittura a olio tradizionale ma anche dai nostri limiti: per la maggior parte del progetto eravamo uno, a volte due artisti e non potevamo permetterci di creare molte risorse molto dettagliate. L’aspetto finale ha portato a uno stile interessante e unico che i fan sembrano apprezzare.

L’ultimo trailer di Moonscars rivela anche alcune clip di combattimento piuttosto promettenti. Come hai bilanciato gli scontri con i nemici? Ti aspetti che il gioco sia difficile come Dark Souls, più facile o una via di mezzo?

Ogni incontro di combattimento in Moonscars è progettato sulla base di tre considerazioni principali. In primo luogo, la quantità di nemici. Non ne usiamo più di quattro contemporaneamente. In secondo luogo, la curva di difficoltà di un livello. Ad esempio, se l’incontro precedente è stato relativamente difficile, il successivo dovrebbe essere un po’ più facile. In terzo luogo, il posizionamento mondiale. Ciò include le specifiche della posizione, la geometria, le trappole ambientali, ecc.

In effetti, il nostro gioco è piuttosto diverso dal combattimento dei giochi Souls e spesso più nemici sono coinvolti in un combattimento. Tuttavia, speriamo che sia un dado piuttosto difficile da decifrare, a modo suo.

Moonscars è un Souls-Like dei fan, per l'intervista ai fan 4Moonscars è un Souls-Like dei fan, per l'intervista ai fan 5

Perché i lettori di PS5 Giochi Guida dovrebbero essere entusiasti di giocare a Moonscars alla fine di questo mese?

Per noi, Moonscars è un lavoro d’amore e siamo certi che ai giocatori non mancherà questa sensazione se provano il nostro gioco. Inoltre, è un gioco dei fan dei giochi Souls, ad altri fan. Questo genere non è solo un lavoro per la maggior parte di noi, è la nostra passione, quindi speriamo che i lettori di PS5 Giochi Guida, che sono anche fan, si divertono molto con Moonscars.

Qual è il tuo titolo FromSoftware preferito e perché?

Andrea: Bloodborne, Sekiro, Dark Souls 1 e 3. Ognuno di loro è unico e affascinante a modo suo.

Stefano: Il mio preferito sarebbe probabilmente Bloodborne, per il suo ritmo veloce e il modo in cui incoraggia uno stile di gioco aggressivo, così come per la sua ambientazione gotica e di ispirazione vittoriana.

Grazie ad Andriy, Stefan e Alexandru per aver dedicato del tempo a rispondere alle nostre domande. Non vedi l’ora di Moonscars? Condividi i tuoi pensieri nei commenti qui sotto.