Categorie

La co-creatrice della signora Marvel sapeva che i fan sarebbero stati pazzi per lo scambio di potere

La signora Marvel ottiene il trailer di "10 giorni".

Cosmico… e impreciso…

Signora Marvel

Quando si tratta di adattamenti delle proprietà dei fumetti, c’è un certo margine di manovra che i fan sono disposti a dare ai creatori. Principalmente perché sanno che eseguire adattamenti diretti accurati al 100% è quasi impossibile o, in qualche modo, si sentirebbero “arcaici”. I ragazzi è in realtà un ottimo esempio di ciò poiché deviano pesantemente dal materiale di partenza in alcuni modi. Ma l’unico “peccato” a cui non si atterrebbero mai è quello di un personaggio che non ha le sue “capacità comiche”. Ed è per questo Signora Marvel ha avuto una prima polemica quando è stato annunciato che non avrebbe avuto i suoi poteri di “embiggen”.

Nei fumetti, Kamala Khan è un Inumano, una razza di esseri che sono umani, ma hanno poteri che si attivano dopo essere stati esposti alle Nebbie Terrigene. Nel Signora Marvel Programma televisivo… non così tanto. Non rovineremo nulla per coloro che non l’hanno ancora visto, ma c’è una spiegazione molto diversa per i suoi poteri, ed è probabilmente più “in sintonia” con Kamala Khan e la sua gente, ma non è comica.

La produttrice supervisore Sana Amanat è anche la co-creatrice di Kamala Khan e sapevano che il cambiamento sarebbe stato… problematico per i fan:

“Sono passato ai Marvel Studios due anni e mezzo fa. Sono venuto per questo progetto, in particolare per guidarlo nella produzione e lavorare con la stanza dello scrittore [head writer] Bisha [K. Ali] e il suo team messi insieme”, ha detto Amanat. “Stavano cercando di immergere la storia in un diverso tipo di mito che era legato a storie più ampie del MCU, ma anche un po’ legato alla tradizione della mitologia islamica e asiatica. Il mio primo pensiero quando sono entrato è stato: ‘Beh, la gente sarà davvero arrabbiata per aver cambiato questi poteri.'”

È più che probabile che lo siano, ma, come hanno notato molti fan, la qualità della serie “compensa” il cambiamento chiave nella tradizione.

Fonte: Entertainment Weekly