Categorie

La serie Andor sarà “due parti” di un “romanzo”?

Andor

Andor
Come ora sappiamo con perfetta chiarezza, Star Wars non andrà da nessuna parte presto. The Mandalorian, Ashoka, The Acolyte e altri sono destinati a portare avanti le cose nella galassia molto, molto lontano per un po’ di tempo, e questo non include nemmeno quelli che SAPPIAMO stanno arrivando come la serie Obi-Wan Kenobi e l’uguale prossima serie Andor.

Cassian Andor è apparso in Rogue One e ha fatto un grande successo con i fan (in parte a causa della sua grande interpretazione di Diego Luna). Nella sua serie prequel, scopriremo esattamente come è diventato quel “ribelle stanco del mondo” che alla fine aiuta a far cadere l’Impero a modo suo.

In effetti, la serie è una delle poche a cui si sa che avrebbe ottenuto una seconda stagione in anticipo e, secondo lo showrunner Tony Gilroy, era in base alla progettazione:

“È una seconda stagione, ma è davvero, per me, la seconda metà del romanzo”, ha condiviso Gilroy. “Questa prima stagione parla di lui che diventa un rivoluzionario e i secondi 12 episodi lo portano in Rogue One”.

Oh, e per quanto riguarda il suo amico “fidato robot”?

“Non abbiamo Alan Tudyk”, ha scherzato Gilroy allo sbocco. “Non ancora, comunque.”

Quindi sì, arriverà nella seconda stagione e ci saranno più cose nello show di quanto probabilmente ti rendi conto. Che include anche Genevieve O’Reilly che interpreta un giovane Mon Mothma:

“Ho il lenzuolo davanti a me. Ho 211 parti parlanti in questo spettacolo. Probabilmente ci sono 75 persone lì dentro che contano davvero, e ci sono almeno una dozzina di personaggi seriamente importanti che porteremo avanti fino al secondo [season,]” ha confessato il regista. “Si tratta di un cast di ensemble dickensiano enorme, orchestrale, con Diego al centro e Genevieve al centro di un’altra parte. Si intersecano. Non ho intenzione di entrare nel modo in cui si intersecano. Hanno un incrocio, ma non si incontrano. Non si incontreranno fino al secondo tempo”.

Non è stata ancora fornita una data di uscita per la serie.

Fonte: Vanity Fair