Categorie

L’ex presidente della Sega of America Bernie Stolar è morto a 75 anni

L'ex presidente della Sega of America Bernie Stolar è morto a 75 anni

“Quando Bernie credeva in te, credeva assolutamente in te.”

Bernie Stolar, l’ex presidente di Sega of America e uno dei fondatori di Sony Computer Entertainment America, è morto all’età di 75 anni. Stolar è stata una delle figure più influenti nell’industria dei videogiochi che ha supervisionato una serie di eventi chiave nella storia dei giochi .

A seguito di un’offerta fallita per fondare la propria attività di giochi arcade nel 1981, Stolar si è unito ad Atari per lavorare nella sua divisione arcade. Successivamente, è passato alla divisione console domestiche dell’azienda e ha guidato lo sviluppo dell’Atari Lynx. Successivamente, Stolar si è unito a Sony Computer Entertainment sulla scia dell’ormai famigerato accordo SNES CD-ROM tra Nintendo e Sony. Quando Nintendo ha rinunciato all’utilizzo del componente aggiuntivo basato su disco per le sue console, Sony ha deciso di puntare tutto sui videogiochi creando una console tutta sua: la PlayStation. Stolar ha contribuito a supervisionare il lancio della PlayStation, nonché lo sviluppo della sua libreria.

Stolar in seguito ha accettato un’offerta per diventare COO di Sega of America, dove ha cercato di replicare il successo del lancio della PlayStation con Sega Dreamcast. Mentre alla fine ha lasciato Sega solo un mese prima della famosa data di lancio del Dreamcast, il 9/9/99, durante il suo soggiorno lì, è stato determinante nell’aiutare Sega ad acquisire Visual Concepts e stabilire il marchio 2K Sports. Sebbene Sega avrebbe interrotto il Dreamcast solo due anni dopo, ha goduto di un lancio di successo grazie al lavoro di Stolar sulla campagna di marketing della console e sulla scaletta di lancio di 18 giochi.

Sherry McKenna, CEO di Oddworld Inhabitants, ha detto questo su Stolar nel suo necrologio: “Quando Bernie credeva in te, credeva assolutamente in te. Non c’erano domande, ti ha solo aiutato ad avere successo”.

Fonte