Categorie

Lo staff di PlayStation è arrabbiato per Jim Ryan e-mail sui diritti di aborto

Lo staff di PlayStation è arrabbiato per Jim Ryan e-mail sui diritti di aborto

Secondo Bloomberg, un certo numero di membri dello staff di PlayStation sta “ribollendo” per un’e-mail inviata oggi dal CEO Jim Ryan, in cui esortava i dipendenti a “rispettare le divergenze di opinione” quando si tratta di diritti all’aborto. Una recente fuga di notizie dalla Corte Suprema degli Stati Uniti ha messo a fuoco la questione, dopo che è emerso che potrebbero esserci piani per ribaltare un caso storico del 1973, che alla fine ha legalizzato l’aborto a livello nazionale.

L’e-mail, vista dal giornalista Jason Schreier ma non ripubblicata nella sua interezza online, affermava che l’azienda è “multiforme e diversificata, con molti punti di vista diversi” e che “lo dobbiamo l’uno all’altro e ai milioni di utenti di PlayStation rispettare le differenze di opinione tra tutti nelle nostre comunità interne ed esterne”.

Il messaggio continua: “Il rispetto non è accordo. Ma è fondamentale per chi siamo come azienda e come apprezzato marchio globale”. Stranamente, secondo Bloomberg, Ryan ha poi continuato a “condividere qualcosa di spensierato per aiutare tutti a ispirare tutti a essere consapevoli dell’equilibrio”, inclusa una storia sui compleanni dei suoi gatti domestici e il suo desiderio di possedere un giorno un cane.

Nel suo rapporto, Schreier spiega che i dipendenti di “diversi” studi interni di PlayStation non erano contenti dell’e-mail, con uno che suggeriva che “non erano mai stati così arrabbiati per il compleanno di un gatto prima”. In netto contrasto, Bungie – uno sviluppatore che Sony intende acquisire entro la fine dell’anno – ha rilasciato pubblicamente una dichiarazione la scorsa settimana, sottolineando che “difendere la scelta riproduttiva e la libertà non è una decisione difficile da prendere”.