Categorie

Mark Hamill parla di Star Wars Prop che ha mantenuto che non venderà mai

Mark Hamill parla di Star Wars Prop che ha mantenuto che non venderà mai

Non posso dare un prezzo a qualcosa che non venderai.

Mark Hamill non ha mai avuto paura di parlare Guerre stellari, e negli ultimi anni ha rilasciato sempre più cose del suo tempo nei film sia passati che recenti per mostrare ai fan quanto c’è in cose come questa. Come pubblicare il primo “video di prova” per Luke Skywalker e Han Solo (Harrison Ford) insieme per vedere se la loro chimica (dal punto di vista dell’attore) avrebbe funzionato. Ma non ha nemmeno avuto paura di rispondere alle domande dei fan Guerre stellari e di conseguenza fornisci alcune risposte uniche.

Ad esempio, qualche giorno fa, a Mark Hamill è stato chiesto un servizio molto onesto e basilare Guerre stellari domanda in termini di oggetti di scena. Gli attori e i membri chiave della troupe sono noti per prendere e conservare gli oggetti di scena dal set (compresi quelli che non dovrebbero prendere ma che fanno…). Quindi, un fan ha chiesto qual è l’oggetto di scena più prezioso che ha tenuto da Star Wars. Suggerendo che molto probabilmente sarebbe una delle tante spade laser che Luke ha avuto durante il suo viaggio.

Con sorpresa di quel fan senza dubbio, Hamill ha risposto che in realtà sarebbero stati gli stivali che Luke indossava nel primo film. Non li venderà mai, quindi hanno la definizione letterale di “inestimabile”.

All’inizio potrebbe sembrare strano, ma considerando che Luke ha indossato quegli stivali per tutto il film, e quindi Mark Hamill li ha indossati durante le riprese di Una nuova speranza, probabilmente era molto legato a questo.

Non commettere errori, se li mettesse all’asta, avrebbe un prezzo elevato. Non ultimo perché è un Guerre stellari prop, ma l’autenticatore sarebbe lo stesso Hamill, e lui stesso l’ha tenuto da quando ha girato, quindi così… varrebbe molto.

Ma ancora una volta, non lo venderà, quindi non provare e la mente Jedi lo inganna per darlo via… non funzionerà.

Fonte: Twitter