Categorie

Mentre le voci di Silent Hill girano, Bloober Team sta zitto

Mentre le voci di Silent Hill girano, Bloober Team sta zitto

Qualcun altro annoiato della saga di Silent Hill? Non commettere errori, abbiamo una lunga storia con questo franchise e lo amiamo un po’, ma le voci rimbombano ormai da anni. C’è stato il chiacchiericcio del Japan Studio, prima che l’intero dipartimento fosse chiuso – e c’è stata persino l’assurdità degli Abbandonati, che in realtà ha alzato di nuovo la sua brutta testa all’inizio di questa settimana.

Forse la speculazione più persistente degli ultimi tempi, tuttavia, è che lo sviluppatore polacco Bloober Team stia lavorando a un titolo della leggendaria serie horror, in particolare un remake dell’iconico survival horror per PS2, Silent Hill 2. Sappiamo che lo studio ha firmato una partnership con Konami, e sappiamo anche che è specializzato in giochi horror. Metti due più due insieme, eh?

Ma lo studio non dice una parola per il momento. “Non possiamo commentare nulla di ciò che stiamo facendo perché apprezziamo il nostro rapporto con i nostri partner, ovviamente”, ha detto a IGN il capo Piotr Babieno. “Faremo un annuncio sui nostri progetti futuri il prima possibile. Quindi, allora saprai molto di più. Ufficialmente.” IGN nota che Babieno rideva mentre lo diceva, il che sembra pertinente.

Pensiamo che sia probabilmente sicuro dire che Bloober Team sta realizzando un gioco di Silent Hill a questo punto, anche se Babieno non è ancora pronto per confermarlo. Tuttavia, si dice che ci siano diverse nuove voci in sviluppo, motivo per cui forse la speculazione sembra essere così forte. Non saremmo sorpresi se molto di questo venisse ripulito durante il Festa estiva del gioco il prossimo mese.

In altre notizie, abbiamo ricevuto commenti dal Bloober Team su un contratto firmato con PlayStation, ma sfortunatamente non è stato possibile approfondire l’accordo. “Quando si tratta del nostro contratto con Sony, sfortunatamente non siamo in grado di dire altro”, ci ha detto un portavoce dello studio. L’attesa continua.