Categorie

Microsoft sta lavorando al dispositivo di streaming di giochi “Keystone”.

Microsoft sta lavorando al dispositivo di streaming di giochi "Keystone".

Microsoft si sta proteggendo dal terreno di Stadia.

Credito: Microsoft

Microsoft ha accennato a un nuovo dispositivo di streaming con nome in codice Keystone che consentirà agli utenti di trasmettere in streaming i giochi Xbox alla propria TV.

Secondo quanto riferito, Microsoft sta sviluppando un nuovo dispositivo di streaming che competerà con servizi simili come Google Stadia e Apple TV. Gli utenti saranno in grado di trasmettere in streaming contenuti come giochi con l’intento di rendere un servizio conveniente per coloro che non vogliono o non possono investire in una console completa.

L’esempio più noto di giochi basati su cloud è la console Google Stadia rilasciata nel 2019. Nonostante sia stata rilasciata solo meno di due anni fa, Google ha da allora “privato la priorità” del dispositivo.

Il gioco basato su cloud è una tecnologia che consente agli utenti di giocare senza pesanti requisiti hardware da parte loro. Invece, questo requisito è soddisfatto dall’azienda stessa e il gameplay viene invece trasmesso in streaming al giocatore. I critici della tecnologia temono che lo streaming crei una notevole latenza che avrà un impatto negativo sulla loro esperienza, specialmente sui giochi multiplayer.

Tuttavia, Google Stadia porta anche un elemento sociale unico nei giochi. Con la console sempre online, è più facile implementare miglioramenti dello streaming per gli utenti; al momento non è noto se Keystone avrà una funzione simile.

La tempistica per il dispositivo Keystone arriva poco dopo che Google ha riferito che stavano lavorando su un emulatore Windows per giochi per PC. Ciò consentirebbe a Stadia di competere con il PC oltre a fungere da console alternativa.

Keystone non trasmetterà solo giochi in streaming, ma secondo quanto riferito fornirà agli utenti un trampolino di lancio per accedere ad app multimediali di proprietà di Microsoft come Microsoft Movies & TV.

Fonte