Categorie

Prince of Persia Remake scambia gli sviluppatori

Prince of Persia Remake scambia gli sviluppatori

È stato ritardato solo alcune volte a questo punto.

I remake stanno facendo il giro negli ultimi anni, offrendo ai giocatori la possibilità di rivivere i loro preferiti d’infanzia in modi migliori e più grandi. Al momento del rilascio, Prince of Persia: Le Sabbie del Tempo è stato uno dei giochi più applauditi del 2003, con molti che ancora chiamano il titolo Ubisoft uno dei migliori videogiochi di tutti i tempi. Il remake di Prince of Persia: Le Sabbie del Tempo promette di ricreare la magia del titolo nello splendore dell’alta definizione, se mai dovesse davvero uscire.

Dopo che il primo trailer del remake è stato rilasciato nel 2020, i fan hanno criticato lo stile artistico e la grafica datata. Ubisoft ha deciso di ritardare il gioco per il prossimo futuro, ma sembra che un nuovo studio abbia preso in carico il lavoro sull’atteso titolo.

Il Prince of Persia: Le Sabbie del Tempo Remake in precedenza era stato sviluppato da Ubisoft Mumbai e Ubisoft Pune, ma il titolo è stato ora passato a Ubisoft Montreal. Molti lo vedono come un segno promettente, poiché lo studio di Montreal ha guidato lo sviluppo di grandi successi come Assassin’s Creed Valhalla e l’originale principe di Persia trilogia.

Il post al funzionario principe di Persia La pagina Twitter promette che il team di sviluppo “si prenderà il tempo necessario per riorganizzarsi sull’ambito del gioco da realizzare [players] la migliore esperienza per questo remake di un classico di tutti i tempi, quando sarà pronto”.

Attualmente, Ubisoft Montreal sta lavorando sodo anche su un altro Assassin’s Creed titolo, così come il gioco free-to-play Campioni del rullo. Non è chiaro quante delle risorse dello studio saranno dirette verso il principe di Persia remake.

Il Prince of Persia: Le Sabbie del Tempo Remake attualmente non ha una data di rilascio fissa. Originariamente previsto per il rilascio nel gennaio 2021, l’uscita del gioco era prevista per l’ultima volta durante l’anno fiscale in corso che termina il 31 marzo 2023. Con questo nuovo annuncio, non sarebbe una sorpresa se non fosse più così.

Fonte