Categorie

PS5, PS4 Slice-of-Life Uno spazio per il ritardo illimitato a causa di controversie con i partner

PS5, PS4 Slice-of-Life Uno spazio per il ritardo illimitato a causa di controversie con i partner

L’editore di Coffee Talk Toge Productions e lo sviluppatore indonesiano Mojiken hanno ritardato lo spaccato di pixelart A Space for the Unbound fino a nuovo avviso a causa di una controversia con il partner occidentale PQube. Un messaggio, co-firmato dalle due società, afferma che PQube lo ha lasciato “manipolato e sfruttato”. Da allora l’azienda britannica ha risposto, affermando che Toge Productions ha “cercato per qualche tempo di imporre unilateralmente termini rivisti irragionevoli al nostro accordo”.

Nel messaggio originale, condiviso da Toge Productions e Mojiken su Twitter, le società hanno affermato che PQube aveva acquisito un “fondo per la diversità da una nota piattaforma di console” a causa della sua eredità indonesiana. La lettera continuava: “Il fondo per la diversità era un fondo di sovvenzione destinato ad aiutare gli sviluppatori di giochi sottorappresentati, specialmente durante la pandemia. Tuttavia, invece di fornire quei fondi agli sviluppatori come previsto dalla sovvenzione, PQube ha intenzionalmente nascosto le informazioni sulla sovvenzione e le ha utilizzate come leva per il proprio guadagno commerciale”.

Ha aggiunto: “Invece di pagarci i soldi della sovvenzione, PQube ha nascosto i fatti sull’assegnazione della sovvenzione e l’ha aggiunta come garanzia minima recuperabile, quindi l’ha utilizzata per negoziare l’aumento della propria quota di compartecipazione alle entrate. Abbiamo scoperto l’importo reale di questi fondi e i loro scopi previsti solo nel marzo 2022. Dobbiamo prendere posizione contro gli editori sfruttatori e parlarne per impedire che cose del genere si ripetano in futuro. Pertanto, stiamo anche annunciando che abbiamo risolto il nostro contratto con PQube”.

La lettera si concludeva affermando che PQube si è “rifiutato” di restituire i diritti di pubblicazione, fermando di fatto temporaneamente l’avanzamento del progetto. “È con il cuore pesante che dobbiamo trattenere l’uscita di A Space for the Unbound in modo da poter prendere nuove disposizioni e assicurarci che sia pubblicato come previsto e in un modo coerente con i valori nostri e della nostra comunità”.

Ma da quando la lettera è stata pubblicata, PQube ha rilasciato una dichiarazione a Gaming on Linux in risposta: “Abbiamo onorato tutti gli obblighi del nostro accordo di pubblicazione e abbiamo supportato Toge Productions in ogni fase dello sviluppo del prodotto durante i ritardi e le difficoltà. Questo supporto ha incluso l’offerta di ulteriori finanziamenti significativi, oltre ai finanziamenti delle sovvenzioni, per supportare lo sviluppo, il porting e il marketing.

Un portavoce ha aggiunto: “Toge Productions ha cercato per un po’ di tempo di imporre unilateralmente termini rivisti irragionevoli al nostro accordo ed è deludente che, a causa del mancato raggiungimento di questo obiettivo e nonostante i notevoli sforzi di PQube per soddisfare questo, abbiano cercato di affrontare il importa in questo modo. Risponderemo attraverso i canali appropriati”.

A Space for the Unbound era stato programmato per il rilascio sia su PS5 che PS4, promettendo un “gioco di avventura con una splendida pixelart ambientato nell’Indonesia rurale della fine degli anni ’90 che racconta una storia sul superamento dell’ansia, della depressione e della relazione tra un ragazzo e una ragazza con poteri soprannaturali”. Si spera che questa disputa possa alla fine essere risolta amichevolmente, ma finora non sembra andare bene.