Categorie

Recensione dell’hardware: Thrustmaster T248 Racing Wheel – Un ottimo primo passo per i dadi delle auto curiosi

Recensione dell'hardware: Thrustmaster T248 Racing Wheel - Un ottimo primo passo per i dadi delle auto curiosi

Immagine: Thrustmaster

Il mondo dei giochi di corse è enorme. Da quando esistono i videogiochi, abbiamo guidato auto appariscenti su circuiti tortuosi e strade trafficate alla ricerca del primo posto. Ovviamente, la maggior parte dei titoli veicolari sono perfettamente riproducibili utilizzando un normale controller, ma gli appassionati più accaniti ti diranno tutti che una periferica volante offre la migliore esperienza. Il fatto che i volanti abbiano avuto inizio nelle sale giochi e ora siano usati quasi esclusivamente per le simulazioni è abbastanza divertente, ma andiamo avanti rapidamente.

Come la maggior parte delle persone, usiamo i pad per giocare ai giochi di corse da decenni senza problemi, ma quando si è presentata l’opportunità di immergerci nel mondo più serio dei volanti, abbiamo dovuto indagare. Il Thrustmaster T248 non è un volante nuovo di zecca, lanciato alla fine del 2021, ma è considerato un solido punto di partenza per gli utenti inesperti. Dopo molte ore di test, vediamo se è vero.

Cosa c’è nella scatola?

Thrustmaster T248 2Immagine: Thrustmaster

Il Thrustmaster T248 include il volante e la sua unità base, un set di pedali, il manuale e tutti i cavi necessari. Riceverai anche una molla nera: è correlata al pedale del freno, che può essere personalizzato per rendere più facile o più difficile premere. Ci arriveremo più avanti.

Configurarlo

È quando hai tirato fuori tutta l’attrezzatura dalla scatola che ti rendi conto che un volante occuperà una discreta quantità di spazio. Non puoi semplicemente portare il Thrustmaster T248 sulle tue ginocchia: è un kit serio che devi impostare correttamente per usarlo efficacemente.

Fortunatamente, non è troppo complicato. Dopo aver collegato tutto dove deve andare, potresti avere alcuni fili sparsi in giro, quindi cerca di tenerli in ordine. La cosa principale di cui devi preoccuparti è la ruota stessa, che deve essere fissata su una superficie piana. Per la maggior parte delle persone, questo sarà un tavolo o una scrivania, a meno che tu non abbia investito in un impianto da corsa dedicato.

Ad ogni modo, metti la ruota sulla scrivania dove vuoi che si trovi, quindi usi un morsetto sotto la scrivania, fissando tutto in posizione usando una vite in dotazione. Non preoccuparti, questo non danneggerà i tuoi mobili. Potresti avere difficoltà se il tuo tavolo o scrivania ha un bordo o una cornice, poiché il morsetto potrebbe non adattarsi su di esso. L’abbiamo appena fatto funzionare con i piedini del morsetto appoggiati sul telaio sotto il piano della scrivania, non l’ideale, ma ha fatto il suo lavoro.

Thrustmaster T248 3Thrustmaster T248 4Thrustmaster T248 5Immagini: Thrustmaster

I pedali si collegano alla base della ruota e ovviamente vanno sul pavimento, non è richiesta molta configurazione lì. Dopodiché, il volante ha bisogno di una presa di corrente e si collega alla tua PS5 (o PS4) tramite USB. Oh, un consiglio importante: il Thrustmaster T248 non funzionerebbe per noi quando provassimo a utilizzare un cavo USB alternativo. Volevamo un cavo più lungo, ma il volante non avrebbe funzionato a meno che non avessimo utilizzato il cavo USB in dotazione, quindi tienilo a mente.

Il prossimo pezzo è importante! Quando accendi la console, il volante inizierà automaticamente il processo di calibrazione. Questo lo vede girare completamente a sinistra ea destra prima di ricentrare. Preparati a questo, poiché non vuoi fare alcun danno alla ruota o a te stesso.

A condizione che tutto sia fatto correttamente, il volante dovrebbe riconoscere su quale sistema sta operando e devi solo premere il pulsante PS e assegnare un giocatore, come faresti con un normale pad. Sei a posto!

Design, qualità e comfort

Il Thrustmaster T248 è composto principalmente da parti in plastica pesante. Altre ruote con un prezzo simile sul mercato includono il metallo nel loro design, quindi il T248 può sembrare un po’ economico. Tuttavia, non abbiamo mai ritenuto che il dispositivo fosse di scarsa qualità; è robusto e può chiaramente resistere a una discreta quantità di punizione.

Il volante stesso è comodo da impugnare, con una superficie esterna che sembra una sorta di ecopelle. Tutti i pulsanti che si trovano su un normale controller (tranne le levette analogiche e il touch pad) sono presenti sul volante e sono posizionati in modo intelligente. La maggior parte dei pulsanti di cui potresti aver bisogno durante la corsa sono relativamente facili da raggiungere una volta appreso dove si trovano, anche se potremmo dire che smanettare con input diversi dallo sterzo fisico durante una gara richiede un po’ di tempo per abituarsi.

Thrustmaster T248 6Thrustmaster T248 7Thrustmaster T248 8Immagini: Thrustmaster

Un display LCD si trova al centro della ruota, e questo è abbastanza utile. Può essere utilizzato per modificare alcune impostazioni, come quanto ruota la ruota, la forza del feedback di forza ecc., ma può anche visualizzare informazioni di gioco come la velocità, la marcia in cui ti trovi e così via. Diciamo che è per lo più utile per quelle impostazioni, poiché mentre corri, guardare il volante per informazioni che probabilmente sono già sullo schermo sembra un po’ inutile.

Proprio dietro al volante ci sono due paddle, anch’essi in plastica. Si tratta di paddle magnetici che utilizzerai principalmente nel gioco per cambiare marcia e, sebbene siano fantastici da premere, fanno un po’ di rumore. In effetti, la maggior parte dei pulsanti è abbastanza rumorosa, non l’ideale se sei sistemato in soggiorno.

Per quanto riguarda i pedali, si sentono benissimo sotto i piedi con molta corsa che consente un controllo piuttosto sfumato. Il pedale del freno può essere personalizzato, a seconda di quanto vuoi che sia duro. Sono fornite due molle e una parte in gomma per darti quattro livelli di rigidità per il freno. Abbiamo optato per l’impostazione più leggera, poiché abbiamo ritenuto che l’impostazione predefinita fosse troppo difficile per la nostra configurazione, ma è fantastico che tu possa modificarla in base alle tue esigenze. Diremo che rimuovere l’alloggiamento della molla dal freno è difficile: potrebbe essere necessario utilizzare uno strumento per infilarlo sotto e sollevarlo, piuttosto che usare le dita.

Impressioni iniziali

Thrustmaster T248 9Immagine: Thrustmaster

Usando la ruota e i pedali per la prima volta, non siamo rimasti impressionati. Il nostro problema più grande erano i pedali. La base ha impugnature in gomma per evitare che i pedali scivolino, ma scivolavano costantemente da sotto di noi su un pavimento duro. Potresti fare di meglio con la moquette e ovviamente puoi anche avvitare i pedali su un rig se vai così in profondità, ma per noi questo era un problema. Alla fine abbiamo dovuto bloccare la parte posteriore della pedaliera con qualcosa per ridurne il movimento. In alternativa potresti averli contro un muro, ma probabilmente non è l’ideale se vuoi giocare su una TV di dimensioni decenti.

La ruota stessa, nel frattempo, si sente un po’ strana mentre la giri. A differenza di un vero volante in un’auto reale, c’è una notevole sensazione di macinazione che puoi sentire e sentire quando giri. Siamo sicuri che questo faccia parte del design del feedback di forza del volante, che utilizza una cinghia ibrida e una configurazione degli ingranaggi, ma non ti offre un’esperienza super fluida.

Thrustmaster T248 10Immagine: Thrustmaster

A proposito di force feedback, il T248 può davvero sbalordirti. Dipende dal gioco, ovviamente, ma il suo respingimento quando si scivola, si sovrasterza o si sbatte sui freni è piuttosto notevole. A volte devi davvero lottare per il controllo. In effetti, il feedback di forza è così forte che tra esso ei nostri tentativi di mantenere il controllo, la ruota si staccherebbe dalla sua posizione sulla nostra scrivania e dovremmo rimetterla a posto. Diciamo anche che la configurazione leggermente instabile dei piedini del morsetto che poggia sul telaio della scrivania ha contribuito a questo: siamo certi che una posizione più sicura lo manterrebbe bloccato.

Giocare a qualsiasi gioco di corse usando una ruota e pedali è una grande curva di apprendimento se hai passato anni a usare un pad. Ci è voluto molto tempo per acquisire una buona sensazione di guidare le auto digitali in questo modo, quindi diremmo che, se hai appena iniziato, mantienilo un po’, perché non funzionerà immediatamente.

Il T248 è supportato da un numero abbastanza elevato di giochi – puoi trovare l’elenco ufficiale qui – e ne abbiamo presi alcuni per un giro di prova.

F1 22

F1 22 PS5 PS4

Abbiamo iniziato il nostro gioco di corse d’oro con F1 22. A quanto pare, questo è un ottimo punto di partenza. Le auto sono velocissime, ma hanno anche un’aderenza e una deportanza pazzesche, il che significa che le curve sono estremamente reattive. Abbiamo organizzato una cronometro su un circuito abbastanza facile e l’abbiamo ripetuto più e più volte per provare a farci un’idea del T248.

Quando sei concentrato sul gioco stesso, quella sensazione grintosa della ruota svanisce. Il force feedback è ben bilanciato in questo gioco, avvisandoti quando sei sul marciapiede o combattendoti mentre urli alla massima velocità. Una volta che abbiamo una migliore gestione delle cose, girare e gestire l’acceleratore e i freni è molto più sfumato rispetto all’utilizzo di un normale controller. F1 22, con tutte le sue opzioni di accessibilità, è l’ideale per gli utenti di ruote per principianti che desiderano bagnarsi i piedi.

SPORCO 5

SPORCO 5 PS5 PS4

Al contrario, l’altro gioco Codemasters che abbiamo testato è in realtà piuttosto difficile per i nuovi utenti di ruote. DIRT 5 è un titolo fuoristrada piuttosto arcade a cui siamo piuttosto affezionati, poiché scivolare nel fango e nella polvere è fantastico su un pad. Tuttavia, è tutta un’altra storia quando si usa una ruota.

Sebbene sia totalmente compatibile, guidare fuoristrada potenti auto è quasi un’abilità diversa; devi misurare davvero l’utilizzo del pedale, poiché ti immergi costantemente dentro e fuori da derapate e diapositive. Devi sapere come gestire effettivamente una derapata, controsterzando contro il force feedback quanto basta per mantenere la derapata e poi raddrizzandoti senza perdere l’auto dall’altra parte. È abbastanza facile su un DualSense, ma difficile con una ruota a meno che tu non sappia cosa stai facendo.

Assetto Corsa Competizione

Assetto Corsa Competizione PS5 PS4

L’estremo opposto dello spettro è Assetto Corsa Competizione, probabilmente il simulatore di corse più hardcore su console. Anche il modo in cui il gioco è presentato non è particolarmente amichevole: ci è voluto un secondo per trovare un modo per esercitarci a guidare e imparare le basi.

I primi due giochi che abbiamo creato hanno rilevato automaticamente che stavamo usando un volante, ma questo no, e dovevamo selezionare le impostazioni di Thrustmaster nel menu dei controlli. Una volta risolto il problema, abbiamo portato una supercar su una pista relativamente semplice e siamo partiti. Anche se puoi giocare a questo gioco con un controller, usare una ruota è ottimale in questo caso, anche se è estremamente difficile in entrambi i casi.

Questo titolo più di ogni altro che abbiamo testato richiede precisione, con errori che portano a girare parecchio…