Categorie

Recensione: Final Vendetta (PS5) – Brutal Beat-‘Em-Up ti prenderà a calci in culo

Recensione: Final Vendetta (PS5) - Brutal Beat-'Em-Up ti prenderà a calci in culo

  • Recensione finale di Vendetta - Screenshot 2 di 8
  • Recensione finale di Vendetta - Screenshot 3 di 8
  • Recensione finale di Vendetta - Screenshot 4 di 8
  • Recensione finale di Vendetta - Screenshot 5 di 8
  • Recensione finale di Vendetta - Screenshot 6 di 8
  • Recensione finale di Vendetta - Screenshot 7 di 8
  • Recensione finale di Vendetta - Screenshot 8 di 8

Ad essere onesti, c’è qualcosa di confortante in un gioco che sa esattamente di cosa si tratta ea chi è rivolto. Final Vendetta non tira pugni: c’è stato un rapimento e il trio di eroi rozzi e pronti del titolo è qui per salvare la situazione. Sostituisci la famigerata banda Syndic8 con Mad Gear e avrai praticamente una rivisitazione beat-for-beat di Final Fight. “Anche lei è mia amica – contami!”

Al contrario delle strade meschine di Metro City, combatterai attraverso un’incarnazione americanizzata di Londra, tra cui squallidi pub dell’East-End e sfarzosi club di celebrità. Interpretando la studentessa Claire Sparks, il combattente a mani nude Duke Sancho o l’ex wrestler canadese Miller T. Williams (tutti nomi brillanti!), ti farai strada attraverso vivaci sfondi pixel art, prima di scontrarti con duri come- chiodi boss.

Questo gioco è punitivo, con anche la modalità facile che ti dà solo sette vite per lavorare durante la campagna di un’ora. Un pulsante di blocco aggiunge sfumature al combattimento, mentre un indicatore speciale ti consente di eseguire quelle classiche manovre di ripulitura dello spazio Final Fight senza subire danni una volta riempito. Ma anche con queste capacità migliorate, il rilascio si appoggia davvero alla sua ispirazione retrò, con alcuni avversari che richiedono un’esecuzione impeccabile per essere superati. Per questo motivo, probabilmente ti ritroverai seriamente a lottare per vedere attraverso la sottile storia, anche se il supporto multiplayer locale può alleggerire il carico.

Ogni personaggio ha un set di mosse unico ed è animato in modo vivace, mentre la presentazione generale è pulita e corposa: c’è persino una colonna sonora rovente del duo elettronico britannico Utah Saints, che può sembrare leggermente fuori posto ma comunque fa impazzire. Le opzioni Survival e Boss Rush completano quello che è, in effetti, un pacchetto leggero, ma se sei il tipo di persona che ama imparare e padroneggiare i livelli, qui troverai un’ampia longevità.

Final Vendetta ha il cuore sui bicipiti: è un picchiaduro corpulento e brutale che funge da lettera d’amore ai grandi a 16 bit di un’epoca passata. Le urla del culo non si sono mai sentite così bene.

  • Pixel art nitida e pulita
  • Animazioni superbe
  • Combattimento vario e considerato
  • Una colonna sonora strepitosa
  • Nessun multiplayer online
  • Un po’ troppo difficile a volte
  • Pacchetto leggero

Buono 7/10

Politica di punteggio
Copia di revisione fornita da Numskull Games