Categorie

Recensione: Frogun (PS5) – Il platform dell’era PS1 non ha molto rimbalzo

Recensione: Frogun (PS5) - Il platform dell'era PS1 non ha molto rimbalzo

  • Recensione di Frogun - Screenshot 2 di 6
  • Recensione di Frogun - Screenshot 3 di 6
  • Recensione di Frogun - Screenshot 4 di 6
  • Recensione di Frogun - Screenshot 5 di 6
  • Recensione di Frogun - Screenshot 6 di 6

Nel bene e nel male, Frogun sembra davvero un gioco strappato alla fine degli anni ’90. Questo è un puzzle platform con un’atmosfera dell’era PS1 e, sebbene inchioda la presentazione, cattura anche inavvertitamente la natura frustrante e schizzinosa di quei primi giochi 3D.

Nei panni di una giovane ragazza alla ricerca dei suoi genitori, usi il titolare Frogun – una pistola che è anche una rana – per attraversare piccoli livelli difficili mentre ti addentri in un antico tempio. Il gancio centrale spara con la lingua della rana per raccogliere nemici e oggetti, o aggrapparsi a muri e altri oggetti. È una buona idea che funziona abbastanza bene, ma l’esecuzione è molto semplice e il concetto non si evolve davvero oltre a tirare una leva ogni tanto.

Fortunatamente, la mira automatica sull’arma è abbastanza generosa; il Frogun mirerà alle cose che generalmente vuoi colpire, e va bene per la maggior parte del tempo, ma puoi mirare manualmente tenendo premuto L2. Questo può sicuramente tornare utile quando si tenta di attraversare grandi spazi vuoti, soprattutto perché la piattaforma stessa può essere a volte un po’ troppo esigente. Il tuo salto è piccolo, così come le piattaforme che stai attraversando, e anche con una visione completa a 360 gradi del livello, allineare un salto può essere sorprendentemente complicato.

C’è un sacco di cose da collezionare in ogni fase, ma è per lo più opzionale; la raccolta di manufatti speciali è solo per i completisti, ma cercarli ti porterà in aree nascoste fuori dal percorso principale, il che è pulito. Anche le monete non sono necessarie per il progresso, ma vengono utilizzate per acquistare cose come cappelli e opere d’arte, dandoti ancora una volta motivo per raccoglierle.

Dal punto di vista della presentazione, il gioco ha molto fascino con i suoi modelli a basso numero di poligoni e i colori vivaci, e funziona perfettamente in ogni momento. Anche la musica e gli effetti sono abbastanza old-school, ma possono essere irritantemente ripetitivi. Nel complesso, il gioco sembra piuttosto piatto; la sua idea centrale è buona, ma i livelli non si basano davvero su di essa, e alcune immagini graziose possono solo portarlo così lontano.

  • Immagini affascinanti
  • Design carino e compatto
  • Musica e effetti sonori ripetitivi
  • Platform schizzinoso
  • Una specie di nota

Media 5/10

Politica di punteggio
Copia di revisione fornita da Top Hat Studios