Categorie

Recensione: Hardspace: Shipbreaker (PS5) – Demolizione della nave lenta ma soddisfacente

Recensione: Hardspace: Shipbreaker (PS5) - Demolizione della nave lenta ma soddisfacente

  • Hardspace: recensione di Shipbreaker - Screenshot 2 di 6
  • Hardspace: recensione di Shipbreaker - Screenshot 3 di 6
  • Hardspace: recensione di Shipbreaker - Screenshot 4 di 6
  • Hardspace: recensione di Shipbreaker - Screenshot 5 di 6
  • Hardspace: recensione di Shipbreaker - Screenshot 6 di 6

In questi tempi incerti di instabilità economica, quale modo migliore per rilassarsi che giocare a un gioco in cui sei un lavoratore a contratto, estinguendo un debito impossibile? Hardspace: Shipbreaker ti fa demolire navi gigantesche per sgretolare un enorme obbligo finanziario nei confronti della Lynx Corporation. Questo conglomerato chiaramente losco ti fa compilare un questionario discutibile prima di firmare la tua vita, metaforicamente e fisicamente. Mentre analizzi i tutorial della tua nuova vita da cutter, le prime due ore sembrano glaciali. Abbi pazienza e scoprirai un’esperienza atmosferica e profondamente coinvolgente.

Armato di rampino e laser, impari lentamente a fluttuare intorno alla stiva, scansionando i punti di taglio e depositando goffamente materiali in campi gravitazionali designati. L’ossigeno e il carburante devono essere riforniti periodicamente, il che significa andare avanti e indietro verso il tuo “hab” e aumentare il tuo debito Lynx per cose di base come la respirazione.

Ti vengono presentati altri demolitori di navi via radio, che conversano e si commiserano per la loro sorte nella vita. Il conflitto centrale tra il gentile caposquadra Weaver e il negligente medio manager Hal è avvincente e sincero. La forza della narrazione è una vera sorpresa; ti interessa la difficile situazione di tutti i tuoi colleghi.

Man mano che la tua carriera avanza, nuovi tipi di navi aggiungono complessità al ciclo principale, mentre un albero tecnologico sblocca più strumenti (cariche demo!) e potenziamenti delle tute, rendendo il processo di salvataggio più fluido e veloce.

Il taglio diventa una seconda natura e il ritmo da nave a nave diventa confortevole, quindi i cambiamenti nella funzione sembrano monumentali. All’inizio sbloccherai i legami, che rivoluzionano completamente il modo in cui distribuisci i materiali. Quando vengono introdotti i power core, la loro estrazione diventa un pezzo teso. Allo stesso modo, decomprimere una nave è un compito inizialmente complesso che può rovinare un intero salvataggio se sbagli. Più tardi c’è un orrore claustrofobico sotto forma di “navi fantasma”, navi abbandonate invase da droni IA bisbiglianti.

C’è molto di più in Shipbreaker di quanto suggerisca la semplice premessa. Al di fuori della carriera, c’è una raccolta di modalità di difficoltà che offrono sfide limitando risorse e respawn. Puoi anche competere contro altri cutter online per vedere chi può demolire specifiche classi di navi a tempo di record.

Hardspace: Shipbreaker è un’esperienza davvero unica e gratificante, se hai il tempo e la pazienza per entrare e lavorare.

  • Curva di apprendimento fluida e gratificante
  • Grande storia
  • Design audio brillante
  • Equilibra sapientemente atmosfere rilassanti e tese
  • Controlli poco pratici
  • Il movimento può richiedere del tempo per abituarsi
  • Le navi possono sembrare uguali a fine partita
  • Ritmi lenti non per tutti

Ottimo 8/10

Politica di punteggio
Copia della recensione fornita da Focus Entertainment