Categorie

Recensione: Rollerdrome (PS5) – Buono quanto il pattinatore professionista di Tony Hawk

Recensione: Rollerdrome (PS5) - Buono quanto il pattinatore professionista di Tony Hawk

C’è un momento in tutti e 11 i livelli di Rollerdrome in cui tutto scatta. Correre voti gratificanti non idonei per la laurea sono la norma nell’ultimo gioco dello sviluppatore di OlliOlli World Roll7, ma la pratica rende perfetti e questo gioco futuristico di Tony Hawk’s Pro Skater sa come far sentire bene il massimo dei voti. The Birdman lo fa sembrare facile, e anche tu lo farai avendo flirtato con la morte abbastanza volte. Rollerdrome è un gioco incentrato su movimento, velocità e stile. Sembra straordinario una volta che l’hai imparato.

Ciò che distingue il gioco dai vecchi classici Activision, tuttavia, è che la tua vita è in gioco. Rollerdrome condivide il suo nome con uno sport sanguinario per le masse paganti che combina trucchi fantastici con massacri modesti, e sei entrato nel round preliminare del torneo. Per uscire ancora respirando, trionfare in finale è l’unica opzione.

La struttura del gioco è quindi fissata: fatti strada attraverso ogni fase e conquista il primo posto alla fine di tutto. Alcune scene in prima persona interrompono l’azione e introducono un po’ di narrativa al di fuori del contesto stesso, ma sono dimenticabili. Sei qui per prendere a calci in culo e avere un bell’aspetto mentre lo fai, quindi Roll7 li mantiene brevi e saltabili.

L’azione fa comunque la maggior parte del discorso, con i pattini legati ai piedi e le armi serrate nei pugni. Per ogni fase, l’obiettivo è uccidere tutti i nemici nell’arena. Lo farai combinando trucchi con proiettili; ogni sistema dà una mano all’altro. Una riserva limitata di munizioni viene ricaricata eseguendo lanci e grind, ed eliminare i cattivi rende più facile tirarli fuori con successo. Pertanto, il trucco è trovare un flusso che ti permetta di passare senza problemi tra tiro e punteggio. Utilizzerai alcuni proiettili di fucile per annientare alcuni sfidanti, ti ritirerai in un half-pipe per recuperare le tue munizioni e poi tornerai con un lanciagranate a pieno carico per causare il caos.

Questo crea un ciclo di gioco incredibilmente veloce in cui dovrai pensare al volo al prossimo obiettivo, giudicare quale sarebbe la pistola giusta e se hai abbastanza colpi nella camera per abbatterli. Nemici diversi richiedono anche approcci distinti: un cecchino sarà sempre sulla tua custodia poiché la sua linea di mira ti segue nello skate park. Nel frattempo, i bruti più grandi spareranno mine e proiettili per rendere la navigazione sul campo molto più difficile. Imparerai rapidamente cosa cacciare per primo: se sta rendendo la tua vita una miseria, abbattilo dopo.

Recensione Rollerdrome - Screenshot 2 di 5

La corsa una volta uscito illeso dall’altra parte, però, è esaltante. È la sensazione che ti farà rigiocare i livelli semplicemente per il gusto di farlo e lavorare attraverso l’elenco di sfide opzionali per migliorare il tuo punteggio. È anche un gioco più accessibile rispetto a un Tony Hawk’s Pro Skater: non devi preoccuparti di salvare quando non allinei correttamente il tuo atterraggio e il timer conta alla rovescia anziché alla rovescia. Impiegare troppo tempo influisce negativamente sul tuo punteggio, ma con la progressione di base puramente legata all’uccisione dei nemici, completare gli obiettivi entro un determinato limite di tempo non è un problema. Trasforma il titolo in uno tanto accessibile quanto divertente.

E ragazzo è divertente. Rollerdrome è uno di quei giochi più difficili da trasmettere perché gran parte della sua qualità è racchiusa nella sensazione di gioco: devi davvero giocarci per capire cosa ha di speciale. La scarica di eccitazione mentre salti in aria, rallenti il ​​tempo e scarichi un nemico, per poi atterrare in sicurezza in piedi e allineare un altro bersaglio è magnifico. La profondità aggiunta viene quindi ottenuta dalle mosse Super Reflex, aumentando la tua potenza di fuoco e mandando il barometro spavaldo in overdrive. È molto improbabile che tu possa giocare a un gioco PS5 più interessante quest’anno.

Tre ore di gioco saranno più o meno sufficienti per accumulare crediti nella campagna principale, ma con obiettivi bonus legati a ogni livello, c’è motivo di tornare oltre le classifiche che confrontano il tuo punteggio con quello degli amici e del resto del mondo. Inoltre, una seconda modalità di gioco viene sbloccata al completamento dell’esperienza di base denominata Out for Blood, che ti consente di rigiocare il torneo con maggiore densità di nemici e difficoltà complessiva. Anche se potrebbe essere più per i masochisti tra di voi, la modalità è un altro modo per estendere il tempo di gioco e mettere alla prova le tue abilità.

Recensione Rollerdrome - Screenshot 3 di 5

Questo se il picco di difficoltà nella campagna base non ti ha già sconfitto. Arriva un punto nelle ultime fasi di Rollerdrome in cui la difficoltà generale può sembrare insormontabile poiché ti lancia così tanti nemici addosso che sembra una prova di resistenza piuttosto che una prova di abilità.

Un esempio potrebbe essere il tempo parziale, che quasi raddoppia tra una fase e l’altra man mano che si passa dai quarti alle semifinali. Battere il tempo migliora il tuo punteggio e, sebbene non sia necessario farlo per progredire nella competizione, è un’illustrazione di come il gioco prende il sopravvento all’improvviso. Costringendoti a sopravvivere molto più a lungo contro nemici significativamente più forti, potrebbe essere uno shock dopo aver superato i round precedenti.

Tuttavia, se colpisci un muro di mattoni, alcune opzioni di accessibilità (invincibilità, munizioni infinite ecc.) possono essere attivate nel menu di pausa. Il tuo punteggio non verrà caricato nelle classifiche, ma arriverai alla fine del torneo Rollerdrome.

Recensione Rollerdrome - Screenshot 4 di 5

Almeno rigiocare quei livelli successivi ti dà un’altra possibilità di apprezzare lo splendido stile artistico caratterizzato da colori vivaci, toni audaci per migliorare le posizioni e pennellate dettagliate sulle rampe di ogni skate park. Sembra tutto bellissimo in movimento, soprattutto quando corri oltre con una multa per eccesso di velocità garantita e razzi alle calcagna. Si dice che sia ispirato ai fumetti degli anni ’70, assomiglia un po’ alla radio Jet Set dei pesi massimi di SEGA Dreamcast, tranne per il fatto che l’aspetto cel-shaded di Rollerdrome sembra un po’ più audace e in faccia.

L’unico problema è che non ci sono abbastanza ambienti nel gioco per aggiungere varietà e rendere davvero giustizia allo stile artistico. I palchi generalmente rientrano tutti in una delle tre categorie: uno skate park standard, un centro commerciale o un’area all’aperto che è gelida o bollente per il caldo. È abbastanza deludente raggiungere le fasi finali della competizione, solo per incontrare quello che è essenzialmente lo stesso identico posto di pochi livelli fa. Per fortuna, l’azione delle nocche bianche ti consente solo così tanto tempo per osservare l’ambiente circostante prima che un nemico abbia un colpo alla testa allineato nel suo mirino.

Senza alcuna modalità grafica di cui parlare, il gioco ti blocca a 60 fotogrammi al secondo fluidi e vertiginosi senza nemmeno un accenno di calo. Roll7 ha svolto un lavoro eccellente per garantire che Rollerdrome tenga il passo con i suoi combattimenti ad alto numero di ottani; è fantastico, indipendentemente dalla velocità a cui stai viaggiando. Semmai, è davvero piacevole non dover armeggiare con le impostazioni visive. Non dobbiamo compromettere la grafica straordinaria e il frame rate si blocca a 60, non importa quale: cose fantastiche.

Recensione Rollerdrome - Screenshot 5 di 5

È supportato anche il controller DualSense di PS5, ma è un’implementazione davvero di base. Potresti notare alcune lievi differenze nella sensazione di ciascuna arma attraverso i grilletti del pad e il feedback tattile si fa notare vicino a bombe e missili. Tuttavia, non è niente di cui gridare a casa. Sembra che il supporto sia lì solo per spuntare una casella piuttosto che andare davvero oltre per rendere distinta la versione PS5.

Conclusione

Se c’è un premio per la sensazione di gioco, Rollerdrome lo vince di un miglio di campagna. Roll7 ha creato un’esperienza breve ma estremamente dolce con cui è incredibile impegnarsi. Non importa se stai eseguendo trucchi o facendo esplodere i nemici, il suo ciclo avvincente ti farà tornare per di più. Completato da uno stile artistico fenomenale e colorato e da un vero senso di velocità, flusso e movimento, Rollerdrome rivaleggia con i migliori giochi di Tony Hawk’s Pro Skater.

  • È incredibile da suonare
  • Sistema di tiro e trucchi divertente
  • Molta rigiocabilità
  • Incredibile stile artistico
  • Opzioni di accessibilità
  • Stessi ambienti
  • Brutale picco di difficoltà

Ottimo 8/10

Politica di punteggio
Copia di revisione fornita da Private Division