Categorie

Recensione: Sonic Origins (PS5) – La genesi della mascotte di SEGA rivisitata con stile

Recensione: Sonic Origins (PS5) - La genesi della mascotte di SEGA rivisitata con stile

Sonic the Hedgehog è come uno Skyrim a 16 bit: SEGA ha ripubblicato i classici Mega Drive su quasi tutte le piattaforme che ti vengono in mente e non mostra alcun segno di fermarsi. L’ultimo sforzo è Sonic Origins, una raccolta che porta Sonic 1, Sonic 2, Sonic 3 & Knuckles e Sonic CD sulle console moderne sotto un’unica bandiera. Anche se tutti abbiamo giocato a questi giochi un migliaio di volte, ha ancora valore nel rivisitare i preferiti della vecchia scuola – e le campane e i fischietti extra di questa compilation presentano la quadrilogia in un modo fresco e interessante.

Per cominciare, i giochi stessi rimangono per lo più un’ottima selezione di platform. La cosa interessante nel giocarli uno dopo l’altro è come la serie cambia e migliora nel tempo. L’avventura inaugurale introduce il movimento soddisfacente e basato sullo slancio di Sonic, ma non lo sfrutta appieno, con molte zone che ti costringono a giocare lentamente. Sonic CD è un diversivo davvero interessante che incorpora i viaggi nel tempo; distruggi l’aggeggio per la produzione di robot di Eggman in passato per creare un futuro migliore. Di conseguenza, le fasi sono molto più aperte, consentendoti di cercare i cancelli temporali e di aumentare la velocità sufficiente per raggiungere periodi di tempo diversi.

Recensione di Sonic Origins - Screenshot 2 di 4

Sonic 2 torna alle fasi e ai boss tradizionali, migliorando il primo titolo con un design di livello superiore che si appoggia molto di più alle abilità del personaggio. Infine, Sonic 3 e Knuckles si costruiscono ancora una volta con fasi intricate, incontri con i boss più vari, il trio di potenziamenti dello scudo e altro ancora. È un peccato che tu non possa giocare a Sonic 3 e Sonic & Knuckles separatamente, ma ehi, almeno sono qui. Tutti i giochi hanno punti deboli: le trappole che non riesci a vedere arrivare sono un fastidio dappertutto e alcune fasi speciali possono essere dolorose, ma rimane un piacere farle esplodere.

E ti vengono dati diversi modi per farlo. La modalità Anniversario presenta ogni gioco in widescreen, con vite illimitate e la possibilità di fare drop-dash, prese da Sonic Mania. Nel frattempo, la modalità Classica presenta il gioco nel formato originale 4:3, vite limitate e nessun trattino. Puoi anche scegliere Sonic, Tails o Knuckles in ogni gioco, sebbene quest’ultimo non sia un’opzione in CD.

Mentre puoi goderti ogni gioco da solo, una modalità Storia unisce tutti e quattro i titoli in un’unica lunga avventura. Non ti perderai nulla se non ci giochi, ma è interessante vivere tutti i giochi come se fossero una saga continua. Sia che tu giochi in questo modo o che ti godi in modo frammentario, un’aggiunta molto ordinata vede ogni titolo bloccato da intro e outro animati nuovissimi. Questi sono meravigliosi, brevi intermezzi che forniscono solo un piccolo contesto in più ai giochi di Sonic. Allo stesso modo, Sonic Origins stesso ha ottime animazioni di apertura e chiusura nello stesso stile, rendendo il pacchetto coerente.

Recensione di Sonic Origins - Screenshot 3 di 4

Un’importante aggiunta in Origins è Coins. Guadagnata giocando alla modalità Anniversario (e altro di cui parleremo a breve), questa è una valuta persistente che ha un paio di usi. Innanzitutto, puoi spendere una moneta per ritentare una fase speciale, che è incredibilmente utile se vuoi sbloccare Super Sonic ma lotta con quelle sfide incoerenti.

L’altro uso principale delle monete è sbloccare determinati oggetti nel Museo. Il Museo è il luogo in cui troverai musica, opere d’arte e film, e c’è molto da divertirsi. Alcuni di questi si sbloccheranno automaticamente mentre giochi, mentre altri richiedono alcune monete. Esempi di questi brani “premium” includono alcuni brani musicali di Sonic Generations, schede di riferimento dei personaggi originali del passato e animazioni che mostrano versioni in corso di tutti i nuovi filmati. C’è una discreta quantità da approfondire qui che i fan si divertiranno a raccogliere, anche se avrai bisogno di centinaia di monete se vuoi tutto.

Fortunatamente, ci sono molti modi per ottenere monete, uno dei quali è la modalità missione. Queste sono sfide brevi basate su ogni titolo di Sonic e variano per tipo e difficoltà. Uno potrebbe essere quello di sconfiggere un certo numero di un particolare nemico prima di raggiungere l’obiettivo, mentre un altro ti vedrà attraversare un livello con zero anelli. Il tuo tempo di completamento influisce sul tuo grado e gradi più alti ti assegnano più monete. È un’aggiunta semplice, ma c’è una buona varietà qui e le missioni sono ambientate in fasi appositamente costruite: non puoi pilotare automaticamente attraverso queste.

Recensione di Sonic Origins - Screenshot 4 di 4

Altrove, Boss Rush è una modalità autoesplicativa per ogni gioco; hai tre vite per sconfiggere tutti i boss di fila, la maggior parte senza anelli. Completare Boss Rush ti fa guadagnare ancora più monete, così come giocare alla modalità Mirror, che capovolge ogni gioco orizzontalmente: sorprendentemente difficile, anche se conosci i giochi a 16 bit di Sonic come il palmo della tua mano. Infine, ci sono anche nuovissimi livelli Blue Spheres da godere con nuove meccaniche, il che è un ottimo bonus.

Tutto in Sonic Origins è presentato bene, con isole tridimensionali che rappresentano ogni gioco o modalità. È un pacchetto pulito che è organizzato abbastanza bene e tutti i giochi funzionano perfettamente e hanno un aspetto e un suono come ti aspetteresti. C’è un’opzione di anti-aliasing che puoi attivare, ma questo ha fatto apparire l’immagine sfocata più di ogni altra cosa, quindi rimarremmo con i pixel puliti.

L’unica cosa che davvero delude la collezione è il DLC piuttosto avaro. Nessuno dei bonus extra è particolarmente significativo, ma sembra quasi meschino mettere un paywall su cose come brani musicali extra da giochi correlati come Sonic Spinball, bordi aggiuntivi della cassetta delle lettere durante la modalità Classica e personaggi animati extra sulle isole nel menu principale. I fan più accaniti potrebbero anche lamentarsi della mancanza di brani particolari di Sonic 3 & Knuckles, sostituiti da musica prodotta negli anni ’90 ma mai finalizzata (fino ad ora). Le nuove tracce non sono male – alcune sono in realtà piuttosto buone – ma potrebbero volerci un po’ per abituarsi se sei nostalgico di Carnival Night, Ice Cap e Launch Base.

Conclusione

Sonic Origins presenta quattro dei migliori giochi del porcospino con stile ed è una gioia rivisitare questi iconici platform. Fioriture di presentazione come i filmati animati, oltre a una serie di modalità extra come Boss Rush e Missions, offrono ai fan e ai nuovi arrivati ​​molto da vedere e da fare, e il Museo è pieno di opere d’arte interessanti che potresti non aver mai visto prima. Alcune pratiche avari di DLC deludono e, naturalmente, i giochi stessi hanno alcuni punti deboli di 30 anni, ma questo è in generale un meraviglioso viale di memoria.

  • I migliori giochi di Sonic in un unico posto
  • Bella presentazione
  • Fantastici filmati animati
  • Esplorando il Museo
  • Le modalità aggiuntive sono pulite
  • Difetti prevalenti dei giochi originali
  • Gli extra dietro un paywall si sentono male
  • Impossibile dividere Sonic 3 e S&K

Buono 7/10

Politica di punteggio
Copia di revisione fornita da SEGA