Categorie

Recensione: Tekken 2 (PS1) – Rotto e imbarazzante, ma pur sempre un classico combattente

Recensione: Tekken 2 (PS1) - Rotto e imbarazzante, ma pur sempre un classico combattente

  • Recensione di Tekken 2 - Screenshot 2 di 8
  • Recensione di Tekken 2 - Screenshot 3 di 8
  • Recensione di Tekken 2 - Screenshot 4 di 8
  • Recensione di Tekken 2 - Screenshot 5 di 8
  • Recensione di Tekken 2 - Screenshot 6 di 8
  • Recensione di Tekken 2 - Screenshot 7 di 8
  • Recensione di Tekken 2 - Screenshot 8 di 8

Il Tekken originale è stato il primo tentativo di Namco di un gioco di combattimento 3D, e il ragazzo lo ha mostrato. C’era un potenziale innegabile nel nucleo del titolo del 1995, ma il gioco nel suo insieme era incredibilmente crudo, sia a livello visivo che meccanico. Non è stato fino a Tekken 2 che il franchise, ora da record, avrebbe trovato la sua base.

Il sequel del 1996 è migliorato in tutto ciò che era possibile e divenne immediatamente una versione di riferimento per PS1. Detto questo, giocare a Tekken 2 ora, oltre 25 anni dopo al momento in cui scrivo, è un toccante promemoria di quanto siano arrivati ​​​​lontano i giochi di combattimento, in particolare Tekken.

C’è ancora divertimento con Tekken 2 al giorno d’oggi – e avere nostalgia per questo aiuta sicuramente – ma non si può negare quanto sia traballante in termini di equilibrio meccanico e del personaggio. Tekken 7 è descritto come un gioco di combattimento “ad alto danno”, ma non ha assolutamente nulla su Tekken 2, in cui alcune mosse a colpo singolo e semplici combo fondono le barre della salute in pochi secondi. È ruvido, per non dire altro.

Ma c’è una qualità accattivante in Tekken vecchia scuola, un portale verso un’epoca più semplice per i giochi di combattimento. Anche in questa fase iniziale della sua evoluzione, l’elenco dei personaggi è pieno di personalità e gli attacchi hanno un sapore soddisfacente, completo di effetti sangue pixellati.

Ovviamente, è stato Tekken 3 a portare davvero la serie al di sopra e al di là, ma è ancora facile capire perché Tekken 2 fosse un grosso problema nel 1996. Nel suo stile visivo e nella sua eccellente colonna sonora, Namco aveva stabilito un’identità per qualcosa di abbastanza speciale.

  • Comunque divertente da giocare, anche se sbilanciato
  • Solida lista di personaggi
  • Ottima colonna sonora
  • Numero decente di modalità
  • Finali dei personaggi deliziosamente stupidi
  • Alcune mosse completamente interrotte
  • Valori di danno sballati
  • Movimento del suolo ritardato

Buono 7/10

Politica di punteggio