Categorie

Recensione: This War of Mine: Final Cut (PS5) – La cupa sopravvivenza colpisce duramente

Recensione: This War of Mine: Final Cut (PS5) - La cupa sopravvivenza colpisce duramente

  • This War of Mine: Recensione di Final Cut - Screenshot 2 di 9
  • This War of Mine: Recensione di Final Cut - Screenshot 3 di 9
  • Questa mia guerra: recensione di Final Cut - Screenshot 4 di 9
  • Questa mia guerra: recensione di Final Cut - Screenshot 5 di 9
  • Questa mia guerra: recensione di Final Cut - Screenshot 6 di 9
  • This War of Mine: Recensione di Final Cut - Screenshot 7 di 9
  • This War of Mine: Recensione di Final Cut - Screenshot 8 di 9
  • This War of Mine: Recensione di Final Cut - Screenshot 9 di 9

Pubblicato originariamente su PC nel 2019 per il quinto anniversario del gioco originale, l’acclamato gioco di sopravvivenza This War Of Mine: Final Cut è stato riconfezionato in una console di nuova generazione. Colpendo PS5 con versioni rimasterizzate delle ambientazioni originali e DLC, This War of Mine offre una visione straziante e puntuale della guerra dal punto di vista dei civili che cercano di sopravvivere.

Ambientato nella città immaginaria di Pogoren nell’altrettanto immaginaria Graznavia, This War of Mine ha due cicli all’interno dei quali i giocatori devono navigare in un cast di personaggi. Durante il giorno, i personaggi saranno al loro rifugio e le attività si basano sulla sopravvivenza quotidiana: apportare miglioramenti al rifugio, assicurarsi che tutti siano nutriti: puoi persino insegnare ai bambini le abilità di sopravvivenza di base. Puoi anche creare oggetti pronti per il commercio con commercianti itineranti o persone in cui potresti imbatterti mentre ti rovini. Di notte, i personaggi sono divisi: una persona può andare a cercare nelle aree locali per trovare rifornimenti, oppure puoi farli rimanere a casa e proteggere il rifugio da altri spazzini o riposare per il giorno successivo.

Se hai scelto di andare alla ricerca di oggetti, ogni luogo ha le sue minacce: dagli abitanti ostili alla milizia. È un mix di luoghi davvero interessante e le descrizioni di ciascuno ti fanno pensare se vale la pena rischiare, o anche morale. Saccheggerai la coppia di anziani che si sono rintanati o rischierai le cose all’aeroporto sorvegliato dall’esercito? C’è un elemento di combattimento in questa parte del gioco, in cui puoi prendere le armi che hai costruito o usare i pugni per difenderti o attaccare gli altri.

Ogni partita di This War of Mine è casuale (a meno che tu non imposti tu stesso i parametri), il che significa che l’inverno può essere di durata o intensità diversa, oppure i periodi di violenza in città possono durare per periodi di tempo diversi. Anche la durata della guerra stessa può variare. Anche i personaggi che abitano il rifugio sono casuali.

This War of Mine: Final Cut include anche un’edizione completa che presenta tre storie secondarie. Queste meccaniche sono le stesse delle modalità principali, ma c’è una storia da seguire con i propri obiettivi piuttosto che arrivare semplicemente alla fine della guerra.

Tutto sommato, questo è un ammonimento meravigliosamente realizzato sugli orrori della guerra e sulla vera devastazione che può piovere sui normali civili. Come in una vera guerra, ogni storia che interpreterai sarà diversa con esiti diversi e sarai portato a fare scelte sempre più disperate e irregolari per garantire la sopravvivenza dei tuoi personaggi.

  • I personaggi variano e hanno personalità
  • Molta rigiocabilità
  • Grande pugno emotivo
  • Alcuni errori di traduzione
  • La creazione di oggetti può essere ottusa

Ottimo 8/10

Politica di punteggio
Copia di revisione fornita da Deep Silver