Categorie

Recensione: Tour de France 2022 (PS5) – Il simulatore sportivo tattico è eccessivamente familiare

Recensione: Tour de France 2022 (PS5) - Il simulatore sportivo tattico è eccessivamente familiare

  • Recensione del Tour de France 2022 - Screenshot 2 di 5
  • Recensione del Tour de France 2022 - Screenshot 3 di 5
  • Recensione del Tour de France 2022 - Screenshot 4 di 5
  • Recensione del Tour de France 2022 - Screenshot 5 di 5

Anche se ci si può aspettare che un titolo basato sullo storico torneo ciclistico Tour de France di tre settimane e 3.000 km sia un po’ come un gioco di corse, questo adattamento è in realtà molto più di un’esperienza di strategia. Chi ha già familiarità con le escursioni in bicicletta di Nacon e Cyanide saprà che, ovviamente, il Tour de France 2022 è in gran parte identico al suo predecessore, che era già simile al titolo del 2020 e così via.

Il ciclo di gioco, indipendentemente dalla modalità in cui stai giocando, ruota in gran parte attorno alla gestione dell’energia. Devi considerare attentamente le fughe, la tua posizione nel gruppo e la tua resistenza generale. Alcune modalità ti consentono di passare da un compagno di squadra all’altro, assicurandoti di prepararti costantemente per il successo. Sfortunatamente, trascorrerai molto tempo semplicemente facendo avanzare velocemente grandi pezzi di strada, poiché non c’è alcun vantaggio significativo da trarre dal pedalare per tutti i 200 km di ogni tappa.

È un tipo diverso di esperienza di corsa, con una grande enfasi posta su quegli importantissimi sprint sull’ultimo chilometro. C’è una sorta di appello rilassante nel supervisionare la ricerca della maglia gialla da parte della tua squadra, tuttavia, e tutte le speranze del mondo reale dell’evento di quest’anno sono presenti e corrette, almeno in forma di miniatura, comunque. Non sorprende che questo gioco lasci molto a desiderare visivamente e ci siano pochissime variazioni nei modelli dei personaggi o nei tipi di bici, il che rende una versione graficamente poco attraente.

Alcune nuove rughe si estendono all’inclusione di collisioni, così come a problemi del giorno della gara come la malattia e la forma. Questi aggiungono un po’ di profondità alle fasi e sono aggiunte apprezzate, anche se abbiamo scoperto che potremmo comunque attraversare alcuni spettatori anche con gli arresti anomali attivati. Una nuova opzione di classifica online ti consente di giocare insieme a diversi eventi per guadagnare riconoscimenti virtuali, mentre le tappe danesi del Tour de France reale di quest’anno sono affiancate da un nuovo evento italiano, il Primavera Classic.

Con così poca varietà visiva, tuttavia, non c’è molto per differenziare le varie fasi e, come accennato in precedenza, trascorrerai comunque la maggior parte del tuo tempo ad avanzare rapidamente verso i momenti chiave. È tutto un gusto acquisito, che forse si riflette meglio nel minuscolo budget investito nella serie in generale. Tuttavia, gli appassionati di ciclismo potrebbero trovare qualcosa di cui divertirsi nel gameplay tattico unico, che consiste nel cogliere i tuoi momenti e pedalare come se non ci fosse un domani.

  • Ciclo di gioco tattico
  • Licenza ufficiale
  • Le classifiche aggiungono rigiocabilità
  • Quasi identico all’anno scorso
  • Presentazione seriamente datata
  • Un gusto estremamente acquisito
  • Tutti i piloti hanno lo stesso aspetto

Media 5/10

Politica di punteggio
Copia di revisione fornita da Nacon