Categorie

Recensione: Wayward Strand (PS5) – Una breve ma dolce avventura in volo

Recensione: Wayward Strand (PS5) - Una breve ma dolce avventura in volo

  • Recensione di Wayward Strand - Screenshot 2 di 6
  • Recensione di Wayward Strand - Screenshot 3 di 6
  • Recensione di Wayward Strand - Screenshot 4 di 6
  • Recensione di Wayward Strand - Screenshot 5 di 6
  • Recensione di Wayward Strand - Screenshot 6 di 6

Un ospedale galleggiante con una mistica nonna come paziente? L’avventura narrativa Wayward Strand offre questa e molte altre storie misteriose da scoprire nei panni del giornalista quindicenne Casey Beaumaris. Con tre giorni di tempo per girovagare e scrivere il tuo articolo sulla storia dell’ospedale volante, il gioco ti fa entrare nella calma e tranquilla vita quotidiana degli anziani residenti.

Una chitarra acustica ritmica, gentile e sparsa cattura un ambiente tranquillo e sereno mantenuto per tutto il suo arco di tempo di circa sei ore. Il gioco introduce un cast colorato quanto l’estetica pastello cremosa che adotta per raccontare la sua storia. Questa scelta di stile artistico ricorda i cartoni animati per bambini. Quando si entra in una stanza, le pareti si abbassano come il sipario di un teatro, dando la sensazione di assistere allo svolgersi di uno spettacolo. Per non dissuadere il pubblico più anziano, infatti, questo stile visivo non fa che aumentare il suo vezzeggiativo, supportato dalla sua scelta di concentrarsi principalmente su una fascia di età a cui raramente viene data l’attenzione nei media di intrattenimento.

Il gioco offre molti dialoghi, con oltre 20.000 righe di sceneggiatura che quasi sicuramente ti faranno tornare indietro per fare un secondo playthrough. Tuttavia, senza alcuna opzione per l’avanzamento rapido o per saltare i dialoghi, il passaggio a una seconda esecuzione diventa un po’ un lavoro ingrato. Non solo, ma sebbene il gioco sia piuttosto breve, ha solo tre punti di salvataggio, ciascuno alla fine di un capitolo di circa due ore. Ci penserai sicuramente due volte prima di chiudere il gioco prima della fine di un capitolo.

Con un cast e un’ambientazione adorabili, Wayward Strand atterrerà sicuramente nel tuo cuore anche se manca di elementi essenziali di gioco come punti di salvataggio più frequenti o, almeno, un pulsante per saltare.

  • Cast e ambientazione accattivanti
  • Musica tranquilla
  • Tanto dialogo
  • Incoraggia più playthrough
  • Punti di salvataggio scarsi
  • Nessun pulsante per saltare o avanzare rapidamente

Buono 7/10

Politica di punteggio
Copia di revisione fornita da Ghost Pattern