Categorie

Recensione: Wonder Boy Collection (PS4) – Due giochi Arcade e due Mega Drive, ma di valore discutibile

Recensione: Wonder Boy Collection (PS4) - Due giochi Arcade e due Mega Drive, ma di valore discutibile

  • Recensione della collezione Wonder Boy - Screenshot 2 di 7
  • Recensione della collezione Wonder Boy - Screenshot 3 di 7
  • Recensione della collezione Wonder Boy - Screenshot 4 di 7
  • Recensione della collezione Wonder Boy - Screenshot 5 di 7
  • Recensione della collezione Wonder Boy - Screenshot 6 di 7
  • Recensione della collezione Wonder Boy - Screenshot 7 di 7

Nella funzione “A Westone Retrospective” di Retro Gamer Issue 124, il co-fondatore di Westone Ryuichi Nishizawa ha sottolineato di voler creare una sensazione di pressione per il giocatore durante lo sviluppo del gioco arcade del 1986 Ragazzo meraviglioso — il primo di quattro giochi retrò della Wonder Boy Collection di Bliss Brain Corporation, che raccoglie due titoli arcade e due Mega Drive/Genesis di questa serie platform a scorrimento laterale.

Sviluppato da Escape prima dell’età di Westone e ambientato nell’età della pietra prima dell’uscita di giochi platform preistorici come Bonk’s Adventure e Caveman Ninja, la tensione di Wonder Boy è costruita da una barra della salute in costante diminuzione del tempo, che viene riempita raccogliendo snack, oltre a un potenziamento per skateboard che mette alla prova i tuoi riflessi con il veloce platform a scorrimento automatico.

Il secondo gioco arcade di questa selezione è quello degli anni ’87 Wonder Boy in Monster Land, che era ambizioso a causa dell’espansione nel design del gioco di ruolo leggero, con te che visitavi i negozi della città per acquistare oggetti, migliorare le tue armi, armature e scudi, oltre a scoprire aree segrete. A parte il primo Wonder Boy, questo tema ricorrente delle leggere meccaniche di gioco di ruolo influenza tre quarti dei giochi in questa compilation per giocatore singolo.

Distintamente, i primi due giochi della collezione sono stati progettati come mangiatori di monete arcade, quindi i livelli successivi in ​​entrambi hanno picchi di difficoltà sleali, successi economici e un gameplay platform esasperante che è invecchiato male, nonostante sia sinonimo dell’era Ghosts ‘n Goblins della metà degli anni ’80.

Il gameplay è meglio bilanciato nei due giochi Mega Drive della Wonder Boy Collection, incluso Wonder Boy in Monster World del 1991. Monster World IV del 1994 è un punto culminante in particolare, come un platform d’azione e avventura 2D più veloce con una splendida pixel art.

Se ritorni a una preoccupazione esacerbata dalla nostra recensione di Turrican Flashback, i quattro miseri titoli di Wonder Boy Collection fanno pressione sui giocatori retrò per mettere in dubbio il suo rapporto qualità-prezzo, perché omette i titoli che definiscono le serie e le porte chiave per console rispetto ai più costosi Collezione dell’anniversario di Wonder Boy di Strictly Limited Games, che ha esaurito le sue 2.000 copie al dettaglio per PS4. Ha anche un valore peggiore delle compilation retrò pubblicate a poche settimane dalla Wonder Boy Collection, quando vengono messe fianco a fianco contro il più economico e completo Pac-Man Museum+ e gli extra superiori di Sonic Origins.

  • Il gameplay arcade pressurizzato di Wonder Boy
  • Gli elementi RPG completano il platform
  • La deliziosa pixel art di Monster World IV
  • Opzioni di visualizzazione versatili, funzione di riavvolgimento
  • Quattro partite sembrano inconsistenti
  • Difficoltà dei giochi arcade che consumano monete
  • Extra di base rispetto a Sonic Origins
  • Definizione di giochi e versioni chiave della console omessa

Non male 6/10

Politica di punteggio
Copia di revisione fornita da ININ Games