Categorie

Soapbox: mi manca davvero l’E3

Soapbox: mi manca davvero l'E3

Immagine: Grido Design

E quindi eccoci qui: è arrivata la settimana di giugno in cui ci aspettiamo che tutte le più grandi novità di gioco dell’anno in cui si svolgano. E3 è stato l’evento sul calendario che ogni fan, giornalista e sviluppatore non vedeva l’ora, sapendo che qualcosa di grosso stava per accadere. È stato un periodo incredibilmente eccitante: tutti i grandi proprietari di piattaforme e gli editori stavano per sfoggiare le loro cose con annunci e rivelazioni di nuovi giochi. Per oltre 20 anni, è stato il posto dove stare. Poi è successo il COVID, e l’evento (forse meritatamente) non si è più ripreso.

In un momento in cui le aziende possono produrre i propri live streaming e far vedere ai giornalisti in anteprima i giochi senza lasciare il comfort del loro salotto, la convention è davvero una reliquia del passato. Non è più necessario che i fan e gli scrittori volino a Los Angeles per assicurarsi le mani in tempo con gli ultimi titoli, non è più necessario che gli editori investano così tanti soldi nello spazio degli stand. La morte dell’E3 dovrebbe probabilmente essere vista come un netto positivo per tutti, eppure non posso fare a meno di sentirmela così tanto.

Il motivo è la sua sostituzione: Festa estiva del gioco. Penso che Geoff Keighley stia facendo un ottimo lavoro nel mantenere vivo lo spirito dell’E3 Festa estiva del gioco in diretta e cercando di lavorare come aggregatore per le altre società, ma chiaramente non funziona. Alcune aziende stanno giocando a pallone; altri sicuramente non lo sono. Sì, la maggior parte dei giocatori più importanti è iscritto, ma la prova del loro impegno sarà nel pudding: lo spettacolo dal vivo di Geoff avrà solo frammenti consegnatigli da Sony, Microsoft e Nintendo, o ci saranno effettivamente annunci utili?

Mi manca davvero E3 Soapbox 2

Basta guardare il programma generale del Summer Game Fest per capire perché non sono particolarmente entusiasta della prossima settimana. Inoltre la scorsa settimana è stata inaspettatamente eccellente Stato di avanzamento vetrina — headliner come Resident Evil 4, Street Fighter 6 e Final Fantasy XVI sono state davvero piacevoli sorprese — abbiamo il già citato Summer Game Fest Live, il Vetrina dei giochi Xbox e Bethesda, e… beh… questo è tutto. Durante la settimana ci sono altri eventi incentrati sull’indie e forse ci sarà un Nintendo Directma se stai cercando grandi vetrine, questo è il tuo destino.

Mi aspetto che Microsoft organizzi un grande spettacolo, ma molti nella sezione commenti mi crocifiggono per la semplice menzione della squadra in verde, quindi non parlerò di Starfield, Dichiaratoo Favola. Se stai cercando annunci per PS5 e PS4, tuttavia, è davvero solo la vetrina del Summer Game Fest Live su cui devi sintonizzarti.

Questo è il motivo per cui mi manca l’E3. Sebbene la Sony abbia abbandonato negli ultimi anni, c’era un’aspettativa che praticamente tutti sarebbero stati lì, anche se EA e Activision stessero teoricamente facendo le proprie cose in un edificio separato proprio di fronte al parcheggio. Non potevi farla franca con un anno sabbatico; tutti dovevano essere nel loro gioco A. Questo è ciò che ha contribuito a realizzare le migliori conferenze; Mi vengono subito in mente le vetrine E3 2015 e 2016 di Sony.

Mi manca davvero E3 Soapbox 3

Spettacoli come loro semplicemente non accadono più. Le aziende sono in grado di diffondere i loro annunci durante tutto l’anno, il che è positivo. Ogni evento ha la possibilità di ospitare qualcosa di grande, in particolare nel caso di Sony poiché non conosciamo quasi nessuno dei suoi imminenti titoli first party. E poi aggiungi il fatto che l’azienda che gestisce l’E3, l’ESA, non è particolarmente eccezionale, abbiamo un altro motivo per celebrare la fine dell’evento. L’ESA, dopotutto, ha fatto male a migliaia di giornalisti.

L’industria dei giochi sta meglio senza l’E3, ma quando raggiungiamo la settimana in cui di solito si svolge, non posso fare a meno di perderla. Mi manca il lunedì sera quando EA, Ubisoft e Sony hanno consegnato la merce a poche ore l’una dall’altra. Sì, lo spettacolo di EA di solito era una merda e la Sony iniziava sempre il suo evento alle 2 del mattino ora del Regno Unito, ma quelle erano tradizioni che mi sono perse. Mi manca speculare su ogni singola vetrina, predire cosa potrebbe contenere ciascuna. Mi manca fare scorta di bevande, dolci e cioccolato da godermi mentre guardo gli spettacoli.

Erano momenti magici e speciali in cui prenotavo delle ferie dal lavoro (ora tocca a me coprirle) per godermi appieno la settimana. Ora, è una manciata di live streaming e un pacchetto di patatine. Per quanto tu sia obsoleto all’E3, questa settimana mi manchi.

Cosa ne pensi dell’E3 al giorno d’oggi? Ti manca lo spettacolo o il Summer Game Fest è un’alternativa migliore? Inserisci il tuo voto nel nostro sondaggio ed espandi i tuoi pensieri nei commenti qui sotto.