Categorie

Sony applica il cerotto ai giochi PS1 di PS Plus, poiché l’emulazione viene presa in considerazione

Sony applica il cerotto ai giochi PS1 di PS Plus, poiché l'emulazione viene presa in considerazione


Abbiamo scritto molto sui pro e contro dell’emulazione PS1 su PS5 e PS4, ma lascia che sia il Digital Foundry a compilare l’analisi migliore. Un nuovo video pubblicato oggi analizza davvero le aree in cui Sony deve migliorare ed è un orologio costruttivo privo di iperboli o invettive. Tutto sommato, la conclusione è che il colosso giapponese ha molto lavoro da fare, soprattutto se intende vendere la sua nuova PS Plus Premium livello sulla forza dei giochi classici.

Il problema più grande, ovviamente, è l’uso delle ROM PAL 50Hz, di cui abbiamo già parlato. Digital Foundry ipotizza che questi siano stati utilizzati per fornire un maggiore supporto linguistico, ma vale la pena riconoscere che Nintendo offre entrambe le versioni NTSC 60Hz e PAL 50Hz nel suo servizio comparabile. Per lo meno, Sony potrebbe fornire a tutti la migliore esperienza possibile offrendo entrambe le build e consentendo agli utenti di scegliere quella che desiderano utilizzare.

Invece, una nuova patch rilasciata oggi ha tentato di “risolvere” il problema dei 50Hz sfruttando una tecnica chiamata frame blending, che tenta efficacemente di falsificare i 60Hz. Ciò si traduce in un brutto effetto ghosting, come dimostrato dal Twitter posta qui sotto:

Ci sono anche alcune inclusioni davvero strane presenti qui, come il fatto che i giochi per PSP offrono un filtro scanline, nonostante la PSP abbia un display LCD. Tutto ciò parla della mancanza di tempo, budget o, forse peggio di tutto, delle cure investite in questo progetto. Sebbene molti dei problemi affrontati da Digital Foundry siano piuttosto piccoli e difficilmente possano essere osservati da giocatori più occasionali, è chiaro che Sony ha ancora molta strada da fare prima che questa iniziativa sia all’altezza.

Speriamo che si metta a dura prova piuttosto che semplicemente abbandoni i suoi sforzi, come sembra aver fatto con i titoli PS2…