Categorie

Sony e Bungie creeranno un centro di eccellenza per i servizi in tempo reale una volta chiusa l’acquisizione

Sony e Bungie creeranno un centro di eccellenza per i servizi in tempo reale una volta chiusa l'acquisizione

Una delle cose perse nel rapporto sulle relazioni con gli investitori di Sony la scorsa settimana, e riportato alla nostra attenzione da ResetEra, è il piano di integrazione dell’azienda per l’obiettivo di acquisizione, Bungie. Anche se l’accordo deve ancora essere concluso, il titolare della piattaforma prevede che l’inchiostro si asciughi entro la fine dell’anno e sta già formando un piano di integrazione per lo sviluppatore di Destiny.

Ora, come sapete, il colosso giapponese vuole utilizzare l’esperienza dello studio per aiutare con il suo servizio di push di gioco live, di cui intende operare 12 contemporaneamente entro il 2025. Attualmente, sta lavorando in modo indipendente su questi giochi all’interno della sua infrastruttura PlayStation Studios, ma intende integrare tutte le conoscenze di Bungie in tutte le sue operazioni dopo circa un anno.

L’obiettivo è creare un nuovo dipartimento interno denominato SIE Live Service Center of Excellence, che può sfruttare per tutti i suoi titoli di servizio live per garantire il rispetto delle migliori pratiche. Vale la pena ricordare che Bungie manterrà la sua indipendenza, quindi continuerà a rilasciare i propri giochi su tutte le piattaforme, ma avrà anche un ruolo attivo nel plasmare la filosofia alla base dei progetti di servizi live di Sony.

È interessante notare che il titolare della piattaforma vuole imparare da Bungie entro tre mesi dalla conclusione dell’accordo, quindi è chiaro qui che apprezza enormemente i principi di progettazione che hanno contribuito a plasmare e far crescere i giochi di Destiny. Alla fine, il SIE Live Service Center of Excellence avrà il compito di rivedere aspetti importanti come la monetizzazione nei titoli sia in uscita che in uscita.

Ovviamente, gran parte dei fan di PlayStation sono estremamente preoccupati per questo nuovo approccio al servizio live, anche se è importante ricordare che nessuno dei giochi è stato ancora annunciato: potrebbero essere fantastici. E mantenere i titoli di servizio in tempo reale è notoriamente difficile, quindi almeno l’azienda sembra prendere le cose sul serio se questo è il modello di business su cui intende piantare la sua bandiera.