Categorie

Sony non è l’unica a lottare per mantenere PS5, l’attenzione dei giocatori PS4

Sony non è l'unica a lottare per mantenere PS5, l'attenzione dei giocatori PS4

Nel suo recente rapporto finanziario, Sony ha rivelato che sarebbe intervenuta poiché i possessori di PS5 e PS4 stavano giocando molto meno del previsto. L’azienda ha notato che il tempo di gioco è diminuito di un significativo 15% anno su anno per il periodo di tre mesi terminato il 30 giugno 2022, un crollo piuttosto enorme, tutto sommato. Ma si sta riflettendo in tutto il settore.

Call of Duty, ad esempio, sta attraversando un periodo torrido, che probabilmente influirà anche sulle statistiche di coinvolgimento di PlayStation. Il franchise ha visto diminuire i suoi giocatori attivi, da 127 milioni questa volta l’anno scorso a soli 94 milioni ora. Si tratta di un calo di 33 milioni di utenti attivi e ha contribuito a un calo del 28% delle entrate.

In effetti, i numeri di Activision Blizzard sono in una sorta di spirale discendente dal picco di marzo 2021, e questo è il livello più basso dal 2019, prima della pandemia. Probabilmente è lecito ritenere che la riduzione delle restrizioni di blocco stia giocando un ruolo piuttosto importante qui, anche se Call of Duty: Vanguard è stato in gran parte considerato un errore anche dall’azienda.

Tutto ciò sta avendo un impatto sui profitti del settore. Secondo i dati NPD negli Stati Uniti, la spesa complessiva nel settore è crollata del 13% nell’ultimo trimestre, scendendo di 1,78 miliardi di dollari su base annua. La crisi del costo della vita non sta aiutando, ovviamente, con molti più preoccupati per le loro bollette rispetto agli ultimi videogiochi AAA tentpole.

Dopo un paio d’anni di crescita senza precedenti, è chiaro che la realtà sta cominciando a mordere per i possessori di piattaforme come PlayStation e i suoi vari partner editoriali.