Categorie

Xbox potrebbe ricevere annunci in-game

Xbox Series S / X

Sarà accettato dai giocatori?

Microsoft si sta preparando per introdurre annunci in-game nei titoli Xbox free-to-play. Questo secondo un nuovo rapporto di Business Insider. Gli annunci in-game sarebbero un modo per gli sviluppatori di giochi di guadagnare di più dai giochi free-to-play e Microsoft non prenderebbe una riduzione delle entrate. Secondo il rapporto, Microsoft intende lanciare questo programma pubblicitario nel terzo trimestre di quest’anno.

Business Insider fornisce l’esempio di veri e propri cartelloni pubblicitari che appaiono nei giochi di corse, anche se non è chiaro quanto si estenderebbe il programma e se ci sarebbero anche annunci video o skin per avatar. La portata degli annunci sarà importante per i giocatori di console che si affrettano a criticare questo tipo di monetizzazione. Mentre gli annunci che sono discreti e si adattano al mondo di gioco, come i cartelloni pubblicitari nei giochi di corse, potrebbero non attirare molta ira, qualsiasi cosa che interrompa il gioco o diventi invadente riceverà probabilmente un contraccolpo significativo.

Secondo quanto riferito, Microsoft è consapevole del potenziale contraccolpo che questo sistema pubblicitario potrebbe generare dai giocatori di console. Se il nuovo sistema pubblicitario in-game viene implementato solo nei giochi free-to-play, ciò potrebbe essere accettabile per i giocatori. Tuttavia, c’è anche la possibilità che venga vista come una china scivolosa verso la pubblicità nei giochi a pagamento, cosa che gli editori hanno provato in passato. In tal caso, la reazione negativa sarà probabilmente grave.

Secondo quanto riferito, Microsoft si preoccupa anche della protezione dei dati dei consumatori e non vuole che altre società mettano le mani sui dati dei suoi clienti. Microsoft non consentirà agli inserzionisti di raccogliere dati da Xbox o software Microsoft per indirizzare annunci pubblicitari ai giocatori.

Microsoft include già annunci sulla dashboard di Xbox, cosa che ai giocatori non piaceva quando l’azienda ha iniziato. Tuttavia, negli ultimi anni è diventata una pratica accettata. Almeno nel senso che alla gente non interessa più lamentarsi.

Fonte